31Dic
2010
Il giudice, l’ospitaliero e il solitario

Il giudice, l’ospitaliero e il solitario

Tre santi, tutti e tre caldi e zelantidi lor salute eterna, per diversevie camminando ad una mèta stessa(poi che tutte le vie menano a Roma),in tre diversi modi al ben dell’almaprovvedeva ciascun.L’un visto i tribolie l’angherie vedute che trascinanoseco i processi e quel che vi guadagnanoi legulei, pensò di farsi giudicegratis, amore Dei… senza specifiche.E […]

31Dic
2010
Dafni e Alcimaduri

Dafni e Alcimaduri

(Alla signora de la Mésangère) O figliuola gentil d’una gentilemadre, per cui son teneri e devotioggi ancor mille cori (e qui non contoi rispettosi amici e quei che in pettocelan la fiamma d’un segreto amore),tra l’una e l’altra voglio far che un pocodi questo incenso, ch’io raccolgo in cimadel Parnaso, oggi salga condiviso.Un segreto io […]

31Dic
2010
La lega dei topi

La lega dei topi

D’un certo Gatto un Sorcio avea paurache sempre lo spiava sulla via.Che fare? volle andar per la sicurae consultò un vicin molto potenteche aveva una topesca signoriain luogo ben difeso,e si vantava che di gatto il dentené zampa mai di gattaa lui l’avesse fatta. – Caro fratel, per quanto io voglia o faccia, –rispose il […]

31Dic
2010
Il sole e le rane

Il sole e le rane

Le rauche degli stagni abitatricial Sol d’ogni soccorso e protezioneandavan debitrici.Né povertà, né guerra, né disastri,mercé questo gran re di tutti gli astri,turbavan degli stagni la nazione.Queste Rane (chiamandole alla finecol nome lor non reca disonore),quest’umide regineosaron contro il Sol levar le cigliae maledire al lor benefattore. Imprudenza, superbia, ingratitudine,e quanti mali adunadentro i cuori […]

31Dic
2010
La volpe inglese

La volpe inglese

(Alla signora Harvey) Col buon senso s’accorda in voi buon cuore,Signora, ed altre belle qualità,come sarebbe a dir, la nobiltà del sentire e l’ingegno e il lieto umore,non che l’arte ingegnosad’intendere ogni cosa e dolcementecommovere la gente.Nella fortuna lieta e nella miserasempre leale amica,per quanto io canti e dica – il panegiricosempre è minor di […]

31Dic
2010
Un pazzo e un saggio

Un pazzo e un saggio

Coi sassi un Pazzerello un dì seguiaun Saggio per la via,che a lui rivolto, disse: – È bello il gioco,ma tu lavori troppo e pigli poco.Prendi uno scudo, to’…(per quanto io posso, amico mio, ti do):meglio i tuoi conti invece tu farai,se i sassi tireraia quell’uomo laggiù, guarda, che passache ha molti scudi in cassa […]

31Dic
2010
L’elefante e la scimmia di Giove

L’elefante e la scimmia di Giove

Aveva l’Elefante contro il Rinocerontegran lite a chi toccasse gli onori del comando,e già stavano in campo armati fronte a fronteper definir l’ingrata grande querela, quandosi disse che una Scimmia dal ciel era arrivatacol caduceo, di Giove ministra, in ambasciata. Smorfietta era il suo nome, e l’Elefante, il qualecredea che quella visita non fosse che […]

31Dic
2010
Il filosofo di Scizia

Il filosofo di Scizia

Per far la vita sua men lunga e tristaun rigido Filosofo di Sciziacorrea la Grecia, quando venne un giornod’un vecchierello all’umile soggiorno. Degno di grande riverenza in vistapareva il vecchierel di cui Virgilionarra, felice come i re, beatocome gli dèi nel suo povero stato. Egli sen stava colla ronca in manonel suo giardin e agli […]

31Dic
2010
Lo scimmiotto

Lo scimmiotto

Un Scimmiotto di Parigiprese moglie; ma il caratterebestial del bestïonefe’ morir la buona scimmiasotto i colpi del bastone. Mentre i figli al triste fatodella madre versan lagrime,il marito innalza gridache diresti ch’egli rida.E già cotto innamoratod’altre scimmieun’eguale cortesialor prepara di bastone,mentre affoga la passionedentro i fiaschi all’osteria. O sia scimmia o sia scrittore(e quest’ultimo è […]

31Dic
2010
La volpe e i tacchini

La volpe e i tacchini

Contro i frequenti assaltid’una Volpe ai Tacchini era una piantafortezza inespugnabile.La perfida sprecava i suoi bei salti,che sempre in sentinella eran le bestiecontro le insidie. Ond’ella si rodea.– Costor, – dicea, – si vogliono burlare,ma per gli dèi! scommetto che una voltao un’altra saprò ben farla pagare -. E mantenne il suo dir. Splendea la […]