Il progetto “Ti racconto una fiaba”

Io credo questo: le fiabe sono vere, sono, prese tutte insieme, nella loro sempre ripetuta e sempre varia casistica di vicende umane, una spiegazione generale della vita, nata in tempi remoti e serbata nel lento ruminio delle coscienze contadine fino a noi; sono il catalogo dei destini che possono darsi a un uomo e a una donna. (Italo Calvino).

Ti racconto una fiaba è un progetto ad accesso gratuito nato per preservare le fiabe della tradizione popolare e per stimolare la creatività di tutti i lettori affinché abbiano uno spazio per condividere la propria fantasia.

L’obiettivo è anche quello di utilizzare la struttura narrativa della fiaba come mezzo per scoprire il mondo con obiettivi didattici, educativi e sociali.

L’accesso e la pubblicazione su Ti racconto una fiaba sono completamente gratuiti, per sostenere il nostro progetto, ti invitiamo a fare una donazione utilizzando il pulsante seguente (il pagamento avviene tramite il canale sicuro di Paypal):

Cerchi una fiaba? Sei nel posto giusto!

Digita il titolo della fiaba, o l’argomento che cerchi e troverai la fiaba che fa per te

Tante fiabe per te

Alcune fiabe e favole classiche scelte per te

Raperonzolo

C’erano una volta un uomo e una donna, che già da molto tempo desideravano invano un figlio; finalmente la donna poté sperare che il buon Dio esaudisse il suo desiderio. Sul di dietro della casa c’era una finestrina, da cui si poteva guardare in un bellissimo giardino, pieno di splendidi fiori ed erbaggi; ma era

rupe-zita

La rupe della Zita

Tratto da: “Fiabe Abruzzesi” di Domenico Ciampoli, trovi le altre fiabe della stessa raccolta qui. Camminavamo a rilento; io su di un povero cavallo da nolo e il mio vetturino a piedi. Un sentieruzzo scosceso, pieno di ciottoli ci menava al guado del Sinello, le cui acque s’udivano scorrere fra i macigni pel cupo mormorio che

Hansel e Gretel

C’era una volta… un povero taglialegna che abitava davanti a un gran bosco con sua moglie e i suoi due bambini; il maschietto si chiamava Hansel, e la bambina, Gretel. Egli aveva poco da metter sotto i denti, e quando ci fu nel paese una grande carestia non poteva neanche più procurarsi il pane tutti

bove-ida-baccini

Il bove

Fiaba tratta da “Lezioni e racconti per bambini” di Ida Baccini (1882).“Dettati nel puro e gentile idioma toscano, questi libri parlano al fanciullo il suo linguaggio, lo dilettano, lo avvezzano a vedere, ad osservare il mondo esteriore, come ad amare il bene morale” (Dalla prefezione al libro di Pietro Dazzi). Attilio sta per finire sei

consiglio-topi

Il consiglio dei topi

Un Gatto, che diceano il Mangialardo,facea dei Topi un così gran macello,e tanti nell’avellon’avea sospinti e sbigottiti tanti,che i pochi vivi ancoranon osavano il muso cacciar fuora. Quatti nei buchi sen morian di fame,tanta paura avean di quel, non gatto,ma carnefice infame.Un giorno tuttavia, colto il momentoche il gatto andò a far visita all’amantee stette

Il principe felice

Alta sulla città, in cima ad un’imponente colonna, si ergeva la statua del Principe Felice. Lui era tutto coperto di sottili foglie d’oro finto, come occhi aveva due zaffiri lucenti, e un grande rubino rossi scintillava sull’elsa della sua spada. E veramente era ammiratissimo. “E’ bello come una banderuola” osservò uno dei Consiglieri Comunali che

sapia

La sapia

TRATTENIMENTO SESTO della Giornata Quinta. Sapia, figlia di una gran Baronessa, fa diventare uomo accorto Cenzullo, il figlio del Re che non poteva intendere lettere. Egli, a causa di un buffettone datogli da Sapia, volendosi vendicare se la pigliò per moglie e dopo mille strazi, avutine senza sapere come tre figli, si riconcilia con lei. Fecero

usignolo-rosa

L’usignolo e la rosa

– Ha detto che ballerà con me se le porterò delle rose rosse – si lamentava il giovane Studente – ma in tutto il mio giardino non c’è una sola rosa rossa. Dal suo nido nella quercia lo ascoltò l’Usignolo, e guardò attraverso le foglie, e si meravigliò: – Non ho una rosa rossa in

brutto-anatroccolo

Il brutto anatroccolo

Era così bello in campagna, era estate! Il grano era bello giallo, l’avena era verde e il fieno era stato ammucchiato nei prati; la cicogna passeggiava sulle sue slanciate zampe rosa e parlava egiziano, perché aveva imparato quella lingua da sua madre. Intorno ai campi e al prati c’erano grandi boschi, e in mezzo al

Alcune fiabe e favole dei nostri autori scelte per te

La Zuppa Saporita

Il Gran Burattinaio si è ammalato un bel febbrone si è beccato; e il buon umore e l’allegria a tutti è andato via. “Ora non possiam più far quattrini” Pensavan i burattini. “Cuciniam la zuppa! Cuciniam la zuppa!” Esclamarono tutti in coro “quella ricca che dà ristoro tanto buona e saporita che ti lecchi anche

Ninna nanna per due cuccioli

In una casetta in mezzo alle montagne, in un piccolo paese, c’era un piccolo bimbetto in una culla tutta di legno decorata con tanti fiorellini azzurri. Vicino a lui, c’era sempre la sua mamma che, ogni giorno che passava, era sempre più stanca ed affaticata. Eppure era una mamma felice, perché finalmente era arrivato quel

La cena di Natale

24 dicembre. Vigilia di Natale. In casa si respira una bellissima atmosfera di pace. Tutti in cucina sono indaffarati a preparare le prelibatezze natalizie. I bambini invece, costruiscono delle decorazioni di colore rosso, per agghindare la tavola. al centro dell’enorme tavolo, oltre ai fiori, ci aggiungono delle candele con del vischio. Che bello, tra qualche

I grandi dell’asilo // Audio fiaba

C’era un bambino, pelle di pesca e cuor di cioccolato alla scuola dell’Infanzia era arrivato. Salutava la mamma con abbracci e bacini poi si sedeva su panchine o seggiolini aspettando il ritorno di mamma e papà, a volte piangeva, un po’di qua e un po’di là. Tre anni son passati tra fiabe raccontate parole, disegni,

I cani non sono ballerine

Scritto da Anna Kemp e Sara Ogilvie Letto da Giulia Martinelli Montato e musicato da Luca Gallini Il canale YouTube di FavoLElette. Acquista il libro su Amazon.

viaggio-cristoforo-colombo

Il viaggio di Cristoforo Colombo

L’equipaggio di Cristoforo Colombo ormai era stanco. Da molto tempo viaggiava fra cielo e mare. La terra non appariva mai. Un giorno, finalmente, un marinaio scorge sulle onde un ramoscello verde. Un altro vede un uccello in volo ed esclama: – Se c’è l’uccello, c’è il nido. Se c’è il nido, la terra è ormai vicina, compagni!- L’Ammiraglio

Il principe ignorante

In un regno lontano lontano, viveva un principe ignorante. Il re, suo padre, lo mandò nelle migliori scuole; lo affiancò ai suoi più saggi consiglieri; tutto, insomma, per prepararlo a diventare re. Ma il principe non riusciva davvero in nulla! Pensate, i suoi compiti in classe erano sempre pieni di errori e quando parlava diceva

Per la strada di Betlemme

Per la strada di Betlemme incontrai due Pastorelle con un asinello, e un contadinello. Con il suo agnello. Per la strada della grotta. Ad una vasaia la brocca s’è rotta.  Ed un Cavallino ha perso la rotta, Per la strada, di Betlemme, incontrai tre re non poveri come Me, non ricchi di denaro ormai raro, ma

Pochi giorni al Natale

Quanti giorni mancheranno? Tutti insieme aspetteranno, conteranno i minuti e a Natale sarem tutti i benvenuti.   Non vedo l’ora che arrivi perché ci rende positivi; il Natale è ormai alle porte deliziando la nostra sorte… che sia il panettone,il pandoro o il panforte brindiam tutti insieme a corte.   Adesso andiam tutti di prescia