04Set
2015

Il drago cinese a zonzo per la città

Fiaba di: Orsola

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Pechino, di festeggiava l’anno nuovo, tutte le persone impazzivano dalla gioia, e attendevano l’arrivo del drago.

I bambini erano ansiosissimi; il drago tardava, Amy e Misha, i giovani attori della manifestazione, per una volta, ritardarono.

Quel meriggio, un profumo di vaniglia e zenzero era tra le piazze ed Amy, non resisteva: “che ne dite di fare merenda?” propose.

“Oh sì” disse Misha, “ho proprio fame”.

Si diressero verso la sala da tea, sedettero posando il grande drago, che dovevano portare.

Arrivò il cameriere e ordinarono tea e ciambelle.

Dopo merenda Misha propose di fare una passeggiata” oh non scherzi”, intervenne Milo, “gli anziani non sarebbero contenti”.

Quindi si incamminarono velocemente verso la piazza.

Ad un bivio si fermarono “da che parte andiamo?” fece Ami, “a destra” indicò Milo.

Si trovarono dopo un po’ di ca,mino ad una strada che portava ad un cortile.

“Scusi” chiesero ad un uomo anziano che ne discendeva, “la piazza della festa dove si trova?”

L’uomo indicò un sentiero in salita; era la strada sbagliata.

“Ma dove siamo?” chiese ancora Emy.

“Presso un giardino”, rispose Misha.

Di lì a poco una graziosa signorina, li raggiunse di corsa.

“Voi siete i bambini del drago?” chiese, “sì, non troviamo più la strada”.

“Io sono una ballerina, dello spettacolo mi chiamo Glicine, seguitemi”.

In fretta arrivarono a destinazione e la gente che aveva così tanto atteso, li accolse con applausi abbracci, riso fotografie la festa era appena iniziata.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti