31Dic
2010
La volpe e i tacchini

La volpe e i tacchini

Fiaba di: Redazione

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Contro i frequenti assalti
d’una Volpe ai Tacchini era una pianta
fortezza inespugnabile.
La perfida sprecava i suoi bei salti,
che sempre in sentinella eran le bestie
contro le insidie. Ond’ella si rodea.
– Costor, – dicea, – si vogliono burlare,
ma per gli dèi! scommetto che una volta
o un’altra saprò ben farla pagare -.

E mantenne il suo dir. Splendea la luna
lucida a favorir l’accampamento
del tacchinesco esercito.
E la Volpe, maestra in argomento
d’assediar città,
ricorse al vecchio sacco delle astuzie.
Salta di qua, di là,
balla sui piè, fa il morto, fa il risorto,
con tanta abilità,
che nessun Arlecchin meglio non sa.
Spiega la coda al bel lume d’argento
ed i Tacchini in guardia sulla pianta
con cento lazzi incanta.

Ma il tener l’occhio fisso e sempre teso
in un oggetto fa che del nemico
si confonda la vista entro una nebbia
quasi di sonno; e tratto dal suo peso
qualcun già casca addormentato e stanco.
A lui la Volpe il fianco
addenta e il porta, nella sua dispensa.
Poi casca un altro, un terzo, e mezzo infine
l’esercito nell’ugne sue volpine.

La paura del mal è l’occasione
che tira qualche volta in perdizione.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti