03Gen
2018

La leggenda del lavoro

Fiaba di: Nazzarena Nebiolo

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

C’era una volta … un castello in riva a un fiume, immerso in un meraviglioso parco con alberi e prati.

Nel castello viveva una bellissima principessa che però era sempre triste e depressa.

A nulla servivano i giochi e i trattenimenti che le dame  e i cavalieri del castello inventavano per lei.

Un giorno  in cui era particolarmente depressa, andò nel cortile, accanto al pozzo che si trovava al centro dello stesso e vide una vecchina venirle incontro.

“Perché sei così triste bella fanciulla?”

“Non so perché sono triste ma sto molto male, mi puoi aiutare?”

“Dimmi cara cosa fai tutto il giorno?”

“Gioco, ascolto la musica dei menestrelli, guardo gli spettacoli che fanno le dame e  i cavalieri miei amici e ……mi annoio tanto!!!!”

“Ti dò un consiglio: esci dal castello e vai nel bellissimo parco che lo circonda. Al fondo dello stesso vive un uomo che ti potrà aiutare”

La vecchina se ne andò e la principessa seguì il suo consiglio. Andò in fondo al parco dove trovò un uomo che coltivava un campicello. Gli si avvicinò e gli raccontò il motivo per cui era lì.

“Io mi chiamo Gualtiero e penso di poteri aiutare. Vieni da me domani mattina”

Il mattino dopo la principessa si presentò a Gualtiero ilo quale le diede una zappetta e le insegnò a zappettare il campo. Quando finì il tempo era passato e lei non se ne era accorta ed inoltre non era affatto triste.

Tornò tutte le mattine e sotto la guida di Gualtiero quel piccolo campo si trasformò in un bellissimo roseto.

La principessa grazie al lavoro non fu più triste.

Ancora oggi sulle rive di un grande e tranquillo fiume c’è un castello circondato da un bellissimo parco nel quale a maggio fioriscono tante rose rosse.

[amazon_link asins=’8809614798,8856661942,8809817710,8858018842,883178224X,8861885918′ template=’ProductGrid-Custom’ store=’tiraccounafia-21′ marketplace=’IT’ link_id=’80dc9255-f06d-11e7-a5f9-5f7a1cab9542′]

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti