26Mag
2016

Celestina l’antipatichina

Fiaba di: Alessandra Santilli Pedagogista

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

C’era una volta una bambina, di nome Celestina, che abitava in una grande casa dentro una bella città.

I suoi genitori erano dei nobili molto ricchi ma lavoravano molto perché gli piaceva avere tanti soldi e non erano molto presenti nella vita quotidiana della loro figlia anche se lei lo avrebbe tanto voluto.

Celestina, fin dalla nascita, fu affidata alle cure di una bambinaia e dei nonni ed imparò, suo malgrado, a comportarsi e a parlare come gli adulti perché tutti da lei si aspettavano grandi risultati qualunque cosa facesse.

Arrivò il giorno in cui Celestina dovette andare a scuola e fu per lei un problema perché gli altri bambini si stancarono presto del suo modo forbito di parlare e del modo di comportarsi superiore che aveva imparato e che voleva imporre agli altri bambini per poter stare con lei.

Da allora la chiamarono Celestina l’antipatichina e la lasciarono sola.

Lei soffriva per questo e chiese aiuto ai genitori per capire come fare ma loro, sempre molto presi dal lavoro, invece di impegnarsi le dissero che gli altri bambini non erano alla sua altezza: lei era migliore di loro e doveva andare avanti per la sua strada anche lasciando gli altri indietro.

Celestina capì da sola cosa fare: iniziò a parlare e a comportarsi come una bambina della sua età e scoprì che questa cosa le piaceva perché la faceva sentire meglio con sé stessa. Poi, pian pianino, magicamente, si riempì di amici con i quali si comportava non più con superiorità ma con semplicità e spontaneità apprezzando di vivere con meno peso la sua età.

I genitori non furono d’accordo ma a lei non importava: aveva capito che i bambini sono bambini e devono vivere la loro età per quella che è perché per crescere serve il giusto tempo.

Celestina l’antipatichina non c’era più.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti