icon_rssicon_facebookicon_twitter

Segnala agli amici

La pagina ufficiale su Facebook:
"Ti racconto una fiaba"



Segnala il sito su Google+1:

Link sponsorizzati

Il nostro copyright

Dove non diversamente indicato, alle opere presenti su questo sito, si applica la licenza Creative Commons seguente:

cc

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate. Per informazioni clicca qui.

prezzo viagra in italia


Pubblicità
Questo spazio permette al sito di continuare ad offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!

La fiaba

peter-annieIn un angolo riparato del bosco, Peter,  un vecchio con la barba bianca e il viso grinzoso,  sta seduto su un sasso coperto di muschio. Guarda  malinconico davanti a sè senza nulla vedere. Una scintilla di luce passa nei suoi occhi umidi. Sta  rivedendo come in un film gli attimi belli e brutti della sua vita.  Le sensazioni che prova sono tangibili nelle espressioni  del suo volto.

Si rivede  bambino: in una grande casa colonica addetto al governo degli animali delle stalle oppure  curvo  sotto enormi fascine di legna caricate  sulle sue spalle esili. Continuamente sgridato  per qualsiasi cosa giusta o sbagliata che facesse, nessuno teneva conto della  sua età – era un bambino  - che faceva quello che poteva e  nel  modo in cui era capace.

La madre di Peter  era morta dandolo alla luce e di ciò lui se ne era fatto carico come se la colpa di quello che era avvenuto fosse soltanto sua. Il padre si era poi risposato con una donna che non l’aveva mai amato e che palesemente lo trattava male a differenza di come amava i propri figli – i suoi quattro fratellastri.

Dopo aver realizzato che il suo posto non era più in quella casa, una mattina con i suoi pochi stracci se ne andò. Nessuno si preoccupò di cercarlo, nemmeno quando il padre morì.

La sua vita da vagabondo lo portò a rincorrere continuamente una sorta di felicità. La cercava  nelle persone che incontrava, ma tutte approfittavano  di lui o lo scansavano con degli appellativi che lo ferivano. Aveva buona volontà e anche capacità  ma non riusciva a mettere radici in nessun luogo dove prestava la sua opera.

Aveva disperatamente bisogno di qualcosa che nemmeno lui conosceva e che cercava di scoprire  senza riuscirci. Non aveva né donne né amici né casa né patria perché lui viveva su una nave mercantile e lavorava come sguattero. Pagava l’amore e il vino nei porti dove la nave si fermava e la notte si accucciava nella sua branda nella stiva.

Più gli anni passavano per Peter e più il suo cuore diventava duro e lui era sempre più solo e rassegnato ad una vita senza  amore,  perché era quello di cui aveva estremo bisogno e l’aveva capito ormai – aveva un disperato bisogno di amore – Purtroppo era troppo tardi pensava e nessuno avrebbe amato uno come lui.

Una sera, mentre si accingeva a stendersi nella sua branda,  un rumore appena percepibile lo incuriosì, perché non erano i soliti ratti. Era un rumore delicato come un fruscio. Accese la lucerna e ispezionò con cura   la zona tutta intorno . Spostò  le casse di materiale vario che erano accatastate in quell’angolo della stiva. Le spostò ad una ad una per  essere certo di eseguire un’ispezione accurata e  ad un tratto la luce fioca della lucerna illuminò due occhioni neri. Era una bambina di non più di cinque o sei anni.

Un esserino spaurito e indifeso stava rannicchiato in una fessura  fra due grandi casse. Non diceva nulla ma si capiva che era terrorizzata. Peter allungò la  sua mano forte e quella creatura   gli porse la sua manina esile, fredda e sudicia. Una bimbetta scarna, denutrita ,  sporca e con abiti stracciati .

Non aveva mai  diviso con nessuno  i suoi spazi , tantomeno  quell’angolo di stiva che per lui era la sua casa. In un certo senso quell’intrusione un po’ lo sorprese  ma anche lo infastidì.

La nave era salpata il mattino presto ed era  ormai in alto mare. Prese per mano la bimba

Intenzionato ad accompagnarla dal comandante. La piccola intuì quel gesto, si divincolò e corse a nascondersi fra le casse.

Sempre più preoccupato cercò di parlarle per avere da lei qualche risposta:  come si chiamava e da dove veniva; dove era la sua famiglia e come era arrivata su quella  nave.

La bimba non aprì bocca. Allora pensò che forse aveva fame.   Tagliò una fetta di pane e una di formaggio e  si avvicinò alle casse. Con un guizzo una mano afferrò quel cibo  che sparì in un batter d’occhio. Le avvicinò anche un bicchiere di latte che  seguì la stessa sorte.

Pensò di soprassedere a denunciare la clandestina e di istituire con lei  una specie di complicità e poter raccogliere così  informazioni più dettagliate. Sarebbero servite per restituire la bimba alla sua famiglia  che senz’altro la cercava con trepidazione.

Preparò un giaciglio di fortuna nell’angolo più riparato e senza  parlare si coricò nella sua branda. Finse di dormire e ad un tratto vide la bambina uscire dal suo nascondiglio e stendersi  coprendosi in quel letto improvvisato.

Passò una notte insonne . La sua decisione gli sconvolse la vita: panico, inadeguatezza, paura della legge e anche una gioia nuova mai provata.

Passarono i giorni…. Alla bambina aveva raccomandato di non farsi notare dai marinai e dai mozzi. Lei ubbidiva, rimanendo nascosta tutto il giorno.  Lui provvedeva al cibo e tutto quello che poteva servirle acquistandolo nei porti dove la nave faceva scalo.

Piano piano la piccola iniziò a fidarsi di quell’uomo che la trattava bene e, in una lingua che solo chi frequenta tanti porti poteva capire, gli disse che si chiamava Annie Non aveva nessuno al mondo e sulla nave era arrivata nascosta nel carico,  in cerca di cibo.

Ormai nei  pensieri di Peter  c’era Annie e nonostante il suo lavoro fosse duro,  egli aspettava la sera con ansia per  vederla e stare con lei. Provava un sentimento gratificante nei confronti  della bimba – un sentimento paterno. Un sentimento ricambiato. Un affetto che era rivolto solo a lui e per lui che non era stato mai amato da nessuno. Si sentiva finalmente felice.

Una sera portò a Annie una bambola. La bimba spalancò gli occhioni neri  e  lacrime di gioia rigarono le sue guance. Lasciò la bambola e corse  ad abbracciarlo  dicendogli – grazie papa’ ti voglio bene –

Quella frase avrebbe cambiato radicalmente la sua vita.

Il dare avere di amore, quella partita doppia di sentimenti gli fecero desiderare una casa e una famiglia.

Anche per le autorità competenti prevalse su tutto l’affetto che li legava e dopo un periodo di affidamento  Annie  tramite l’adozione venne dichiarata a tutti gli effetti figlia di Peter.

Inutile dire che lasciò la vita sulle navi e scelse per la bimba e per sé una casetta al limitare del bosco  in mezzo agli animali e alla natura.

La sua vita era cambiata: aveva una famiglia, una casa ma soprattutto una figlia che gli dava amore incondizionato e che lui ricambiava. Il destino che sembrava crudele era mutato in felicità che lui aveva rincorso  per tutta la vita senza  trovarla.

- Nonno, guarda cosa ho trovato! –

Improvvisamente il vecchio Peter  si riprende e allarga le braccia verso un bimbetto con un grosso fungo nella manina.

- E’ un fungo bellissimo ma velenoso. Lascialo sul prato e il bosco saprà cosa farne. E’ sera ormai , fra un po’ sarà buio e la mamma ci aspetta. Andiamo a casa.

Non solo padre, ma anche nonno . Il destino lo aveva ricolmato di affetti. Così lentamente, tenendo fra le mani un’altra manina  il vecchio si incammina verso casa.

Nella bruma serale, un tramonto accompagna  a lenti passi  una nuova tenerissima aurora.



Pubblicità
Questo spazio permette al sito di continuare ad offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!

Commenti
Condividi la questa fiaba con i tuoi amici Facebook e invia i tuoi commenti all'autore!

I consigli di lettura di Amazon

Tutti i libri del catalogo Amazon attinenti alla fiaba che hai appena letto.

Clicca sulla copertina per saperne di più!

Scopri il mondo. Dal parco alla campagna, dai boschi al mare, dalle montagne al sistema solare  Animali del mare  Il bosco dopo il mare. Partigiani italiani in Jugoslavia, 1943-1945  Nord America  Anno I° N.° 1 Febbraio 1933 VIAGGI ED AVVENTURE DI CIELO, DI TERRA, DI MARE. Supplemento a CARTOCCINO DEI PICCOLI. Direttore Ettore Boschi Monza 8 -19 Ottobre 1933 - VIII  Le silence de la mer-Il silenzio del mare  La scoperta della natura - Cosa e come osservare in montagna, al mare, nei boschi, al lago, in campagna  Da un bosco in cima al mare  La scoperta della natura Cosa e come osservare in montagna, al mare, nei boschi, al lago, in campagna Prefazione di Paul Geroudet  Nel mare della vita