icon_rssicon_facebookicon_twitter

Fiabe e favole antiche e moderne

per conoscere le tradizioni e scoprire la realtà con la fantasia

La struttura delle fiabe e delle favole permette di affrontare i più svariati argomenti sfruttando la materia dei sogni, dei desideri e delle emozioni; senza barriere. Le fiabe e le favole per bambini - grandi e piccini - regalano mille emozioni ad ogni lettore. Raccontaci la tua fiaba

"Io credo questo: le fiabe sono vere, sono, prese tutte insieme, nella loro sempre ripetuta e sempre varia casistica di vicende umane, una spiegazione generale della vita, nata in tempi remoti e serbata nel lento ruminio delle coscienze contadine fino a noi; sono il catalogo dei destini che possono darsi a un uomo e a una donna". (Italo Calvino).

Scarica le applicazioni ufficiali gratuite di "Ti racconto una fiaba"

GooglePlayBadge Available_on_the_App_Store_Badge_US-UK_135x40_0824

Segnala agli amici

La pagina ufficiale su Facebook:
"Ti racconto una fiaba"



Segnala il sito su Google+1:

Link sponsorizzati

Il nostro copyright

Dove non diversamente indicato, alle opere presenti su questo sito, si applica la licenza Creative Commons seguente:

cc

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate. Per informazioni clicca qui.

Who's Online

 1687 visitatori online
prezzo viagra in italia

giocar-paroleValentina non dava molta importanza a quel libro: stava in alto, troppo per lei; eppure sembrava che la guardasse, proprio da lassù in cima, affacciandosi dall'ultimo scaffale della libreria. Si trattava di un vero e proprio librone, spesso così, con tanto di copertina seria e severa ma di un bel verde però: grande e grosso, tanto da dover stare per forza coricato su un fianco; sul dorso, in belle lettere bianche, c'era scritto

"D - i - z - i - o - n - a - r - i - o... Dizionario!"

Valentina aveva imparato da poco a leggere: ma questa parola, solenne e da grandi, non solleticava affatto la sua curiosità. Le cose non cambiarono fino al giorno in cui mamma Francesca non le disse che quello lì era, nientemeno, il libro di tutte le parole: aggiunse, un tantino misteriosa, che conteneva un tesoro davvero speciale perché di tutti.

Leggi tutto...

autunno-aliceIl cielo ride un suo riso turchino

benché senta l'inverno ormai vicino.

Il bosco scherza con le foglie gialle

benché l'inverno senta ormai alle spalle.

Ciancia il ruscel col rispecchiato cielo,

benché senta nel onda il primo gelo.

Leggi tutto...

hanno-rubato-gesu-bambinoIl rispetto delle regole, prima di tutto: Paolo e Rita sapevano bene quanto ci tenevano mamma e papà.

E una delle regole era, per l’appunto, questa: Gesú Bambino nasceva sempre al ritorno dalla messa nella notte di Natale; solo allora si poteva contemplare nel presepe.

Rita e Paolo, per essere sicuri che le cose andassero proprio in questo modo, ogni anno toglievano la statuina di Gesú Bambino dalla scatola dov’era conservata insieme con tutte le altre e la consegnavano alla mamma che la custodiva, per tutto l’Avvento fino alla Notte Santa, in un luogo caldo e prezioso: dentro l’astuccio degli occhiali della nonna...

Poi, prima di uscire fuori da casa per andare alla messa, la deponeva nella mangiatoia.

La mamma, infatti, con una scusa o con l’altra era sempre l’ultima della famiglia ad arrivare in chiesa.

Leggi tutto...

fate-fatineValli di nebbia
giardini dorati
fili ricamati
di fiori d'argento

parlano d'amore
col cappellino di margherite

inghirlandate
di trine e merletti

incantesimi nei boschi
son felici danzano leggeri

sono nuvole di fiori di seta
ricamano fiabe di filastrocche

Leggi tutto...

gallo-mal-golaIl gallo Peppone si svegliò quel mattino con un gran mal di gola

Provò a cantare il suo chicchirichì, ma gli uscì un suono come se portasse la museruola

Fece abbondanti risciacqui con un buon colluttorio

E potè quindi far sentire tutto il suo repertorio

semaforo-daltonicoUn semaforo daltonico scambiando il verde per il rosso

Riuscì a combinare un guaio molto grosso

Fermò all'ora di punta tutto il traffico della città

E dovette intervenire prontamente il vigile con autorità

linee-tratteggiate-fanno-rivoluzioneUn giorno le linee bianche tratteggiate decisero di fare la rivoluzione

Si erano stufate di stare sempre in fila e decisero di entrare in agitazione

Chi propose di andare a Nord, chi propose di andare a Sud, ad Est e ad Ovest, ma non si misero d'accordo

Ognuno quindi andò dove gli parve, qualcuno si fermò lungo il bordo, ma intanto si formò un grosso ingorgo

clacson-vogliono-scaricare-musica-preferitaI clacson delle automobili si erano stancati di essere omologati

Volevano suonare una musica diversa, quella di cui erano appassionati

Ognuno quindi scaricò un brano della canzone o dell'autore preferiti

E tutte le strade si riempirono di suoni creando uno schiamazzo ed un caos mai esistiti

campanello-impazzitoUn campanello impazzito decide di suonare quando e come gli pare

Suona all'alba, a mezzogiorno, di sera, perfino di notte vuole farsi ascoltare

Drin drin drin drin drin drin è diventato un suono talmente tedioso

Che ogni abitante della città gli augura di cuore un destino disastroso

coltello-obiettore-coscienzaUna volta un coltello diventò obiettore di coscienza

Rifiutandosi di tagliare o di ferire qualunque cosa all'occorrenza.

Ma quando vide la sua esistenza diventare inutile e inconcludente

Capì che ognuno era chiamato a compiere il proprio destino semplicemente