07Set
2015

Il Sole vuole fare sciopero

Fiaba di: Pino Cuomo

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Era una bellissima giornata e il Sole come al solito aveva preso il suo posto, come un soldato sull’attenti, a vigilare e illuminare, le meraviglie del mondo.

Ma, all’improvviso, il Sole disse: “Basta! Sono stufo Tutti vanno in ferie, ed io mai! Mai un giorno di riposo! Mai una chiacchierata con un amico!”.

“Basta! Sono stufo! Voglio andare via! SCIOPERO!!!”

Ma appena se ne andò, subito fù buio. Panico e una paura generale assalì tutta la terra, meno male che la dolce Luna, venne subito in aiuto, cercando di fare un pò di luce, cercò di fare del suo meglio, grazie anche all’aiuto delle stelle.

Ma che cosa è successo? Il Sole dov’è? Affacciandosi alla finestra , si vedeva in cielo, un cartellone grande grande, dove c’era scritto sopra: “Sono stufo di non fare ferie… Basta! SCIOPERO! Vado via! Firmato… Il Sole”.

Fu un disastro, non si capiva niente, i papà non si svegliavano per andare al lavoro, perché il gallo non cantava. I bimbi, vedendo che era ancora buio, non volevano alzarsi per andare a scuola. I fiori non si aprivano, tutto restò al buio e incominciò a fare anche un pò freddo….

Tutta la terra si riunì e una rappresentanza di uccellini volando, andò a parlare con il Sole cercando di convincerlo, ma, niente da fare, il Sole, era irremovibile…SCIOPERO!!!

Quando tutto sembrava un disastro totale, una tartarughina marina, piccola, piccola, minuscola, con una vocina piccola, piccola, uscì con la testolina dalla sabbia e attirò l’attenzione del Sole.

“Che fai tutta sola tartarughina?” disse il Sole.

“Sono sola perché la mia mamma mi ha lasciato in un uovo sotto la sabbia, io non avrò il calore della mia mamma, ed è grazie a te che io sono nata, con il tuo calore e la tua luce. Ma altre mie sorelle e fratelli, sono ancora nelle uova coperti dalla sabbia e non potranno mai nascere senza di te. Ma, non solo noi tartarughe abbiamo bisogno di te! Il più piccolo seme, ha bisogno del tuo calore per germogliare. Tutta la terra e tutte le creature che vi abitano hanno bisogno di te per vivere, altrimenti, noi tutti, non esisteremmo!”.

Il Sole a sentire queste parole , si commosse così tanto, che ritornò di nuovo al suo posto e incominciò a sorridere con il suo faccione grande grande, riscaldando e illuminando la terra e il cartellone con scritto SCIOPERO!!!

Da allora non non si è visto più.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti