16Apr
2013
vecchina-zoppa

La vecchina zoppa

Fiaba di: Silvana

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

C’era una volta una vecchietta zoppa che andava mendicando per le vie.

Vide un signore ben vestito e gli andò incontro ma lui, avvedendosene le puntò con cipiglio il bastone da passeggio contro, dicendole: “Io sono duca, stammi lontano stracciona altrimenti di te ne faccio fonduta”

Di colpo il bastone si trasformò in serpente e saettando fece trasalire la gente.

Si avvicinò, allora a una signorina impettita ma quella come ne vide la figura saltò a lato e gracchiando come cornacchia, disse “Io sono contessina non ti avvicinare sporca vecchiettina”.

Pestando il piede lo mise fuori dalla banchina, prese una storta e sedette proprio in mezzo ad una fanghiglia e la folla cominciò a schernirla.

Si fece d’appresso ad una signora imbellata ma non fu meno mortificata, toccandosi al collo, altezzosa disse “Io sono baronessa,lercia vecchiaccia i tuoi pidocchi non faranno festa nella mia pelliccia”.

La volpe che stringeva si animò e corse tra la massa meravigliata ed ella prese a grattarsi come affetta dalla tigna.

Si accostò, infine a un’umile donna con tre bambini i quali facevano eco alla canzone della mamma, girando in cerchio tenendosi alla sua gonna, la quale disse: “Oh dolce nonnina,sono vedova e come te, poverina. Non ho l’ombra di un quattrino ma puoi venire nel nostro riparo”.

Si recarono alla periferia e sull’incolto terreno sorgeva una catapecchia, i bimbi con la nonna fecero bisboccia.

Al mattino la vecchina zoppa li radunò accanto a sé e saltanto sul piede malfermo disse: “Zoppin zoppetta un castello è ora la vostra casetta. Zoppin zoppino, fiori e frutti nel vostro giardino”.

Si tolse il fazzolettone e come rami di mimosa scesero i suoi capelli.

Cadde lo scialle e un abito di broccato verde ornato di perle e rose di rubino illuminò i volti.

Roteò il manico di scopa che divenne bacchetta e l’arcobaleno l’avvolse.

Tra lo stupore scomparve mentre la sua voce sussurrava: “Io sono la Fata zoppa, dove c’è un cuore buono alla povertà metto toppa”.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti