15Giu
2016

Raghad, Regina di Nertita

Fiaba di: Redazione

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

“Oh, come mi sento debole, papà. Non so se riesco ad aspettare ancora quel camion!”.

Mi sento sprofondare dentro questo cuscinone giallo e blu, è così soffice, non come la terra su cui ho dormito nelle ultime notti

“Devi farcela, figlia mia, tu con le tue sorelle”, sembra rispondermi il mio babbo che ha ancora negli occhi lucidi, nella voce stanca, la nostra terra d’origine, la Siria, da dove ci hanno sradicati. Con le sue mani grandi e venose ci fa largo, tra i passi svelti della folla che ci spinge a terra

Ripenso spesso a quel momento. Anche adesso che corriamo verso l’imbarco, attraversando il mercato e la disattenzione della gente che fa muro. Mi veniva sempre in mente anche lì, al nascondiglio, dove abbiamo passato cinque notti. Credo cinque, sì. Ogni sera scorrono nella mia testa le immagini delle bombe, come tanti fotogrammi di un film, uno dietro l’altro. Certo, non sono riuscite ad ucciderci. Ma anche quegli aggeggi infernali godono ancora di ottima salute: prima di addormentarmi riesplodono nelle mie orecchie più forti della ninna nanna della mamma, un ricordo ormai sopraffatto quasi del tutto dal terrore. Eppure la sua filastrocca la recito ripetendomela sempre, tra me e me. Tante volte la sussurro, a bassa voce, ancora e ancora. Mi distrae da questo incubo stretto come la cella di una prigione.

Per qualche attimo mi sembra di evadere: “Segui sempre l’aquilone del sogno color rubino…la la la la la la… la la la”.

E poi, sì, se non ricordo male, si facevano tre salti di lato, uno a destra, uno indietro. E poi ancora altri tre di lato. Tutto a sinistra. Fermo immagine. Sembra appartenere a un’altra vita.

***

Brano tratto dal libro “Raghad, Regina di Nertita”, la prima fiaba di Luana Silighini.

Il libro è disponibile su Amazon:

Questa la presentazione inviata dall’autrice:

Il libro, per bambini dai 10 anni in su, si ispira alla storia vera di una piccola siriana morta nel Canale di Sicilia su una carretta del mare

Originale e attuale: richiama alle situazioni che sta vivendo l’Europa. Fantasiosa e da cartone animato. La fiaba, disponibile sia in versione cartacea che in formato ebook, è
rivolta a bambini dai 10 anni in su e si ispira alla triste vicenda della ragazza undicenne,

Raghad Hasoun, morta di diabete su una carretta del mare nel Canale di Sicilia – la tragedia è avvenuta nel mese di luglio scorso, a seguito del lancio da parte degli scafisti del suo zainetto contenente le medicine, vitali per lei. “Ho preso un po’ ad emblema quell’episodio nero per raccontare il dramma quotidiano vissuto da migliaia di bambini e dai loro genitori nelle acque che lambiscono la nostra terra”, scrive la giornalista professionista freelance, trentotto anni, che non poteva che trarre spunto dalla cronaca che tanto le sta a cuore.

Ma poi alla tragicità dell’evento la fantasia dell’autrice suggerisce di andare oltre: e allora la piccola Raghad farà esperienza di un mondo sommerso, dove con gli abitanti diventeranno amici. Negli abissi profondi del mare in cui, nel lago rosa, la bambina sarà trasformata per magia in una stella marina, conoscerà “Il Regno di Nertita”: qui vivrà una nuova avventura. E una nuova vita.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti



Consigli di lettura

Sotto il cielo delle stelle di vetroRaghad, Regina di Nertita