13Set
2013
martello-magico

Il martello magico

Fiaba di: Rosy

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

C’era una volta un calzolaio di nome Mariotto
batteva la pelle dura col martello per farne delle morbide scarpe

Batteva e ribatte….

e canticchiava, ogni giorno una dolce filastrocca
che faceva cosi’….

Piccina, picciotta sveglia la notte, dorme la stella, vola cicala, torna la fata

Batteva, batteva e ribatteva con forza

Stanco di battere col martello tutto il giorno andò a dormire per riposarsi un pò

sul  suo misero letto di paglia
vicino a lui dormiva pure il suo cane

era un cane peloso lo chiamavano, Geraldo

Il cane che non abbaia mai
e gioca sempre a tressette

Mariotto, prima di andare a dormire mangiò un pezzetto di pane duro
e un bicchiere di vino
Sognò castelli, con stanze colmi di scarpe
e lui era il re di quel grande castello

sognò che tutti volevano le sue belle scarpe
con la pelle morbida che solo lui sapeva battere col martello

La mattina svegliandosi non trovò il castello che aveva sognato
cosi’ triste si rimise al lavoro seduto sul suo sgabellino

cominciò a battere e battere la pelle e cantava

Piccina picciotta, sveglia la notte,dorme la stella,vola cicala,torna la fata

Il cane si alzò in piedi e cominciò a parlare
prima fece tre volte bau.. bau.. bau
Mio padrone, mio sovrano, sei tu il mio re, non hai sognato era tutto vero il castello tu c’è l’hai, ed è qui’ vicino a te

Batti, batti il tuo martello e vedrai cosa apparirà

Geraldo prese il martello col le zampe che Mariotto usava lo battè tre volte sulla pelle morbida bum bum bum
volò una farfallina fatina con le ali a scarpette
si posò sul martello

Mi hai chiamato mio re ? ordina quello che vuoi e ti sarà dato
Io sono la fatina scarpina, dei desideri sognati e mai avverati

Mariotto chiese, voglio che la mia casetta divente un grande castello
con tutte le stanze piene di scarpe ed io diventare un re

La casetta si trasformò in un grande castello, con tutte le stanze piene di scarpe

Il calzolaio diventò un re ricchissimo e il cane Geraldo non abbaia più
ma parla inglese e francese e gioca sempre a tressette

Ah…. volevo dirvi Le scarpe del calzolaio erano magiche
tutti quelli che li compravano diventavano tutti ricchissimi
e Mariotto continua a cantare ancora col suo bel martello
magico ora dorato

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti