19Mar
2015

La leggenda sul lago Titicaca // Audio fiaba

Fiaba di: tiziano corso

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Il lago Titicaca, il più grande del Sudamerica, si trova a quasi quattromila metri di altezza sull’altopiano ai confini tra la Bolivia e il Perù.

Per gli incas, il lago era un luogo sacro.

Molto tempo fa, sull’altopiano sorgeva una grande e ricca città costruita da una popolazione fiera e arrogante.

Gli abitanti erano così compiaciuti della loro città, da rifiutarsi di ammettere che al mondo ci fosse alcunché di più bello.

Un giorno arrivò nella città un gruppo di cenciosi indios che ben presto attrassero l’attenzione della gente profetizzando la distruzione della ricca città.

“Preparatevi, dicevano la rovina è vicina, ed essa verrà sotto forma di terremoti, inondazioni e incendi.”

Stanchi di quelle profezie, i cittadini  espulsero gli Indios dalla città.

Ma i sacerdoti erano molto allarmati. Quelli erano santi uomini, dicevano:

“può darsi che vedano più lontano di quanto vediamo noi.”

E presero tanto sul serio le parole degli indios, che se ne andarono a loro volta dalla città per ritirarsi nel loro tempio su uno dei colli vicini.

“Guardate un po’ quegli sciocchi” dicevano gli abitanti.” Che cosa credono di ottenere standosene lassù? Quel colle è così alto da attirare i fulmini. Oh, come rideremo quando accadrà!”

Poi, un tranquillo pomeriggio, un cittadino scorse all’orizzonte una nuvoletta rossa, che divenne sempre più grande, e ben presto altre nubi si aggiunsero che avevano il colore del piombo.

Quando venne la notte, non calarono le tenebre, perché il cielo e la terra sottostante erano rischiarati dal riflesso rosso delle nubi.

Poi con fragore spaventoso il suolo prese a tremare: dalle nuvole cominciò a cadere una pioggia rossa.

Uno dopo l’altro gli edifici crollarono, mentre la pioggia cadeva implacabile. Gli acquedotti e i canali d’irrigazione furono completamente distrutti, i torrenti montani uscirono dai loro letti, la città venne sommersa.

Oggi, il grande lago Titicaca ne copre i resti.

La versione audio

Fiaba popolare tratta dalla rete.

 

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti