28Ago
2012
riccidoro

Riccidoro // Audio fiaba

Fiaba di: Alessandra

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

La storia dei tre orsi (attualmente principalmente conosciuta come Riccioli d’oro e i tre orsi) è una favola per bambini, una delle più popolari in lingua inglese.

La favola fu messa per la prima volta su carta dal poeta inglese Robert Southey, e pubblicata nel 1837 nel quarto volume della sua collezioneThe Doctor. Lo stesso anno, lo scrittore George Nicol ne pubblicò una versione in rime sulla base del racconto in prosa di Southey, e con l’approvazione dello stesso. Entrambe le versioni raccontano di tre orsi e di una anziana che entra nella loro proprietà.

In realtà la storia dei tre orsi era in circolazione molto prima della pubblicazione della versione di Southey. Nel 1831, per esempio, Eleanor Mure regalò al nipote per il suo compleanno un libretto su tre orsi realizzato a mano e, nel 1894, l’esperto di folclore Joseph Jacobs scoprì la favola di Scrapefoot, un racconto con una volpe come antagonista. Scrapefoot aveva una sorprendente somiglianza con il racconto di Southey, e può essere derivata da una ancora più antica tradizione orale.

Probabilmente nella sua stesura della storia, Southey confuse il termine “vixen” come volpe con quello di una astuta donna anziana.

(Wikipedia)

Clicca su “Leggi tutto” per ascoltare l’audiofiaba.

L’audiofiaba

L’audiofiaba è disponibile anche in lingua inglese su “I tell you a story“.

Il testo originale

C’erano una volta tre Orsi, che vivevano in una casina nel bosco.

C’era Babbo Orso grosso grosso, con una voce grossa grossa; c’era Mamma Orsa grossa la metà, con una voce grossa la metà; e c’era un Orsetto piccolo piccolo con una voce piccola piccola.

Una mattina i tre Orsi facevano colazione e Mamma Orsa disse: – La pappa e troppo calda, ora. Andiamo a fare una passeggiata nel bosco, mentre la pappa diventa fredda – . Cosi i tre Orsi andarono a fare una passeggiata nel bosco.

Mentre erano via, arrivò una piccola bimba chiamata Riccidoro. Quando vide la casetta nel bosco, si domandò chi mai potesse vivere là dentro, e picchiò alla porta.

Nessuno rispose, e la bimba picchiò ancora. Nessuno rispose: Riccidoro allora aprì la porta ed entrò.

E là, nella piccola stanza, vide una tavola apparecchiata per tre. C’era una scodella grossa grossa, una scodella grossa la metà e una scodella piccola piccola. Riccidoro assaggiò la pappa della scodella grossa grossa: – Oh! E’ troppo calda! disse. Assaggiò la pappa della scodella grossa la metà: – Oh! E’ troppo fredda! Poi assaggiò la pappa della scodella piccola piccola: – Oh ! Questa sì che va bene ! – E se la mangiò tutta.

Poi entrò in un’altra stanza, e là vide tre seggiole. C’era una seggiola grossa grossa, c’era una seggiola grossa la metà e c’era una seggiola piccola piccola. Riccidoro si sedette sulla seggiola grossa grossa: – Oh! Questa è troppo dura! – disse. Si sedette sulla seggiola grossa la metà: – Oh! Questa è troppo molle! Poi si sedette sulla seggiola piccola piccola: – Oh! Questa sì che va bene! E vi si sedette con tanta forza, che la ruppe.  

Entrò allora in un’altra stanza e là vide tre letti. C’era un letto grosso grosso, c’era un letto grosso la metà, e c’era un letto piccolo piccolo. Riccidoro si stese sul letto grosso grosso: Oh! Questo e troppo duro! disse. Provo il letto grosso la metà: – Oh! Questo e troppo molle! lnfine provò il letto piccolo piccolo: Oh! Questo si che va bene! sospirò, e subito prese sonno.

Mentre Riccidoro dormiva i tre Orsi tornarono dalla passeggiata nel bosco. Guardarono la tavola, e Babbo Orso grosso grosso disse con la sua voce grossa grossa: – QUALCUNO HA ASSAGGIATO LA MIA PAPPA .

Mamma Orsa grossa la metà disse con la sua voce grossa la metà: Qualcuno ha assaggiato la mia pappa ! L’Orsetto piccolo piccolo disse con la sua voce piccola piccola: – Qualcuno ha assaggiato la mia pappa e se l’e mangiata tutta!-

I tre Orsi entrarono nella camera accanto. Babbo Orso grosso grosso guardò la sua seggiola e disse con la sua voce grossa grossa: – QUALCUNO Sl E’ SEDUTO SULLA MIA SEGGIOLA ! Mamma Orsa grossa la metà disse con la sua voce grossa la metà: – Qualcuno si è seduto sulla mia seggiola !  1/2  Riccidoro  E l’Orsetto piccolo piccolo gridò con la sua voce piccola piccola: – Qualcuno si è seduto sulla mia seggiola e l’ha rotta!

I tre Orsi entrarono infine nella camera da letto. Babbo Orso grosso grosso disse con la sua voce grossa grossa: – QUALCUNO Sl E’ STESO SUL MIO LETTO Mamma Orsa grossa la metà disse con la sua voce grossa la metà: – Qualcuno si è steso sul mio letto ! E l’Orsetto piccolo piccolo gridò con la sua voce piccola piccola: – Qualcuno si è steso sul mio letto, ed eccola qui!

La voce acuta dell’Orsetto piccolo piccolo svegliò Riccidoro, e voi potete ben immaginare come si spaventò nel vedere i tre Orsi che la guardavano. Balzò giù dal letto, attraversò la stanza di corsa, saltò fuori dalla finestrella bassa, e fuggì via nel bosco tanto in fretta come mai le sue gambe l’avevano fatta correre.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti