18Nov
2016

A Don Pietro u gelataio

Fiaba di: Rosy

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Ardenti soavi sapori
son tesori nascosti
zucchero latte e panna
benedetto chi lo ha inventato
prezioso nettare di bontà

cioccolato fragola e limone
di buon mattino per le stradine
si sentiva una voce
con un campanellino
era il vecchio caro gelataio

col suo bel camice bianco
di due taglie in più
incitava noi bimbi al gustoso gelato
con l’acquolina in bocca
aspettavamo come mosche al fiore
e con in mano le dieci lire

vita di un tempo che fù
giochi allegrie risate
una estate spensierata
ricca di profumi mare sabbia
oleandri e gelsomini

e quel vecchio gelataio
con la paletta in mano
affondava dentro quei secchi ghiacciati
quella morbida meraviglia
che goduria che desideri

odor di fanciullezza
e graffi ai ginocchi
ed il mio caro gelataio
col suo sorriso ed una carezza
gridava e griderà ancora nei ricordi
per tutto il mio paese
Gilati… Gilati…
Bruttu è u travaghiu

Ricordo A Don Pietro

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti