28Dic
2010
Parole di Socrate

Parole di Socrate

Socrate fabbricava una casettae ognun voleva dire qualche cosa:o ch’era troppo larga o troppo stretta,ch’era bassa, una tana, una casupolaindegna di persona sì famosa. – Per piccola che sia,piacesse al ciel, – risponde quel sapiente, –che fosse piena di sinceri amici -.E fu bene risposto in fede mia!Ognun si chiama amico, ma dementeè chi sopra […]

28Dic
2010
Il lupo la madre e il bambino

Il lupo la madre e il bambino

Questo Lupo mi chiama alla memoriaun altro Lupo a cui toccò di peggio,del qual dirò la genuina istoria: Stava messer il Lupo alla vedettad’un casolar assai fuori di mano,se mai la sorte, mentre ch’egli aspetta,non avesse a mandargli sottomanoo un vitello di latte o una capretta,o un pollo d’India, o qualche altro provento,di cui ne […]

28Dic
2010
Il lupo la capra e la capretta

Il lupo la capra e la capretta

Prima d’uscire al pascolo, la portacol saliscendi al malguardato ovilechiuse la Capra accorta,e disse alla Capretta: – Anima mia,la porta non aprire a chicchessia,se non ti dice il motto:canchero al Lupo e a quello che lo porta -. Intese il Lupo che in un canto, chiotto,sen stava ad ascoltare,e si fissò quelle parole in mente.Poi, […]

28Dic
2010
La volpe e il busto

La volpe e il busto

I grandi, presi in blocco, son di solitolarve di commedianti,che fanno effetto sol sugli ignoranti.I ciuchi a lor s’inchinano,perché capir non sannopiù in là di quel che vedono;ma i furbi, che con più prudenza vanno,dapprima non si fidanose in ogni parte chiaro non ci vedono,o come quell’antica Volpe fanno. Un dì (narra la favola) innanzi […]

28Dic
2010
Il cavallo che volle vendetta dal cervo

Il cavallo che volle vendetta dal cervo

Non sempre i cavalli portaron la briglia,ma quando pascevasi l’umana famigliadi ghiande, i cavalli si videro e gli asiniandar per le selve,com’oggi le belve. A quei tempi erano ignotitanti basti e tante selle,e predelle e ferri e maglieda battaglie.E non c’era l’abbondanzadelle splendide carrozzesu cui vanno oggi le bellealla danza,alle feste, ed alle nozze. Il […]

28Dic
2010
Tributo che gli animali mandarono ad Alessandro

Tributo che gli animali mandarono ad Alessandro

Correva ai tempi antichi una leggendafamosa, ch’io non so proprio se meritid’esser contata; a voi per quel che possaaver di sale, amici, io ve la vendo. Strombazzato la Fama avea pel mondoche Alessandro, figliuol almo di Giove,nulla volea di ciò che vive in terralasciar libero più, ma tutte quanterender le cose al scettro suo soggette.Quindi […]

28Dic
2010
La rana e il topo

La rana e il topo

Spesso chi crede d’uccellar altrui,leggo in un libro vecchio, uccella i sui.Vecchie parole, ma sentenza schietta,degna che in voga ancora la si metta,com’io procurerò con questa favola. Un Topo grasso e bel, che in argomentod’appetito e bocconi prelibatinon conoscea quaresima ed avvento,asolava gli spiriti beatid’una palude sul fiorito margine. Una Rana si accosta e colla […]

28Dic
2010
Il dromedario e i bastioni galleggianti

Il dromedario e i bastioni galleggianti

Chi per il primo vide il Dromedarioscappò per lo spaventoda un animal così straordinario;il secondo a guardarlo si fermò,e il terzo, fatto un laccio, un bel momentoal collo della bestia lo gettò. A forza d’abitudineciò che prima ti sembra orrido e stranodiventa mano manocomune ed ordinario.Come ancora dimostra la seguentefavola, che mi passa per la […]

28Dic
2010
La gazza vestita colle penne del pavone

La gazza vestita colle penne del pavone

Si narra che una Gazza,trovate un giorno d’un Pavon le penne,con arte intorno a sé le accomodò.A far mostra di sé quindi la pazza,con aria di persona alta e solenne,per il cortile e tra i Pavoni andò. Ma conosciuta a un tratto, ecco la fischiano,l’insultano, l’incalzan, la berteggiano,la beccan, la spennacchian… Mezza mortafra le sue […]

28Dic
2010
L’uomo e l’idolo di legno

L’uomo e l’idolo di legno

Possedeva un pagano un Dio di legno,un Dio di scorza dura,che avea le orecchie solo per figura,nel quale ei confidava, ed a tal segnoche gli costava un occhio della testaa mantenerlo in festa.Nessun Idol bocconimangiò più grassi e buoni,che l’uom tra i fiori a renderlo propiziooffriva in sacrifizio. Il Dio con tutto ciò non gli […]