27Dic
2010
Il leone e l’asino a caccia

Il leone e l’asino a caccia

Fiaba di: Redazione

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Per celebrare il dì della sua festa,
il biondo imperator della foresta
fuori alla caccia andò.
Non a caccia di merli e d’usignoli,
ma di cervi, s’intende,
di bei cinghiali e grassi caprioli,
e l’Asino invitò.

Ha l’Asino una voce sì potente,
che a dieci miglia quasi la si sente;
onde il Leon pensò,
poi che la bestia avea sì buona musica,
di farsene suo pro’.

Copre il Messer di lauro e d’altre erbette,
e di ragghiar coverto gli commette,
e l’Asino ragghiò.
Quella voce, che subito risona
e nell’aria terribile rintuona,
le bestie spaventò.

Costoro, che non sono abituate
a sentir quella tromba che rimbomba,
dentro la selva fuggon spaventate,
e ad una ad una a seconda che tocca
dentro le zampe cascano
e del Leone in bocca.
Allor superbo l’Asino esclamò:
– Se potesti adunar tanto bottino,
ringraziami, vicino.
– È ver, – rispose il Re della foresta, –
mandasti ragghi proprio della festa,
anzi soggiungerò
che avrei potuto spaventarmi anch’io,
ma ti conosco e tema, grazie a Dio,
degli asini non ho -.

Volea la bestia sciocca replicare,
ma tanto non osò,
conoscendo l’umor del suo compare.
E fece bene, io penso,
se al carattere suo si rassegnò:
ché un asino spaccone è un controsenso.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti