28Dic
2010
La volpe e il becco

La volpe e il becco

La Volpe, che in materia furberiaè vecchia patentata,andava un certo dì per una viain compagnia d’un Becco, un animaleche avea più corna in testa che non sale. Morti di sete, scendono per berein un pozzo, e ciascuno si ristora,ma poi disse la Volpe: – Ora, messere,ch’abbiam bevuto, il punto più difficileè quello di andar fuora.Mi […]

28Dic
2010
Le rane vogliono un re

Le rane vogliono un re

Già sazie le Rane di stare in repubblica,gracchiarono tanto, che Giove pensòdi dare allo stato la forma monarchica,e un re tranquillissimo ad esse mandò. Ma tanto fu il chiasso ch’ei fe’ nel discendere,che scappan le Rane in preda al terror.Sott’acqua, nel fango, quegl’umidi sudditinon osano mettere il muso di fuor. Ma quel che un gigante […]

28Dic
2010
Il lupo pastore

Il lupo pastore

Un Lupo, che traea poco vantaggiodalle sue buone pecore vicine,pensò d’adoperar arti volpinee di vestirsi in altro personaggio. Indossa d’un pastore il casaccone,a mo’ di verga piglia un bel bastone,e perché nulla manchi alla bisogna,si mette intorno al collo una zampogna. Così poteva scriver sul cappello:“Io son Bortolo, io sono il guardiano”.E rassomiglia a Bortolo, […]

28Dic
2010
Le membra e lo stomaco

Le membra e lo stomaco

Del potere Regal (a cui quest’operadevoto sottometto)lo Stomaco mi sembra essere imagine,se lo si guarda sotto un certo aspetto.E invero se lo Stomacopatisce, sen risente il corpo intero:e lo dimostra verodelle membra ribelli il vecchio apologo. Non volendo servir sempre allo Stomaco,prese le Membra un dì dal malumore,giuraron di far sciopero,e sull’esempio stesso del padronedarsi […]

28Dic
2010
mugnaio-figlio-asino

Il mugnaio, suo figlio e l’asino

Abbiano i Greci antichi lode d’aver scopertopei primi dell’Apologo l’arte e il parlar coverto,ma sia concesso ad altri, dopo di lor venuti,di spigolar nei campi, che quelli hanno mietuti.Di fantasia nel regno c’è qualche terra oscura,ove i moderni possono correre l’avventura.Su questo bel proposito un fatterello io so,che al celebre Racanio Malerba un dì contò. […]

27Dic
2010
Il testamento interpretato da Esopo

Il testamento interpretato da Esopo

Esopo, se di lui si conta il vero,valea da sol per sennoquanto l’Areopago tutto intero,anzi quanto l’Oracolo d’Apolline,come si può vedereda questa strana istoria,che al mio lettor non deve dispiacere. Un certo uomo di Greciaa tre figliole fu padre infelice,d’indole pazza e fra di lor diversa:l’una avara, secondo che si dice,civetta l’altra e l’altra ubbriacona.Quando […]

27Dic
2010
Il leone e l’asino a caccia

Il leone e l’asino a caccia

Per celebrare il dì della sua festa,il biondo imperator della forestafuori alla caccia andò.Non a caccia di merli e d’usignoli,ma di cervi, s’intende,di bei cinghiali e grassi caprioli,e l’Asino invitò. Ha l’Asino una voce sì potente,che a dieci miglia quasi la si sente;onde il Leon pensò,poi che la bestia avea sì buona musica,di farsene suo […]

27Dic
2010
La gatta cambiata in donna

La gatta cambiata in donna

C’era una volta un Uomo ed una Gatta,una Gatta sì cara fra le care,ch’ei ne provava una passione mattaa sentirla soltanto miagolare. E pregò tanto il cielo, che il Destinoper contentare le sue strane voglie,a forza d’incantesimo, un mattinola fece donna e gliela diede in moglie. Dir non vi posso in rimai baci e le […]

27Dic
2010
Il pavone e Giunone

Il pavone e Giunone

– Gran Dea, – (così si narra che un Pavonedicesse, querelandosi, a Giunone), –m’hai dato un canto ch’è una stonatura,un canto vero orror della natura. L’usignol, un così vileuccellin, invece ha un canto,che a sentirlo è un dolce incanto,tanto è flebile e gentile -. A lui Giunon, dei gangheri un po’ fuori,così rispose: – E […]

27Dic
2010
Il corvo che vuole imitare l’aquila

Il corvo che vuole imitare l’aquila

Vedendo un Corvo l’Aquila, che audacerapiva un agnelletto,più debol, ma non men di lei vorace,vuol tentare il medesimo colpetto. Senza pensarci molto,salta addosso a un magnifico montone,un bocconcin da far gola agli Dèie ch’era riservato al sacrificio,a lui gridando: – Il fatto mio tu sei.Non so chi t’abbia fatto così bello,ma non potrei trovar miglior […]