20Apr
2017

Zac, Zac, Zac

Fiaba di: Nonno Frank

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Marco rigirava tra le mani la bella spada che gli aveva fatto il nonno, assieme ad uno scudo sempre di legno . La spada era dipinta di azzurro e sullo scudo era stata disegnata un’ aquila stilizzata rossa .

Aveva impugnato spada e scudo ed era andato a giocare nel grande parco dietro casa.

Sotto una pianta era seduta Anna con la sua bambola di pannolenci fatta dalla mamma.

Marco … zac … zac … zac … imitava il rumore della spada mentre colpiva un papavero o un ciuffo di ortiche.

“Ciao, che bella bambola!”

“L’ha fatta la mia mamma ed è unica, con il vestito a fiori rosa , l’ho soltanto io , ho inventato per lei una bella canzoncina senti … Mia bella bambolina , carina carina sei tu, sei dolce e piccolina per questo mi piaci di più !”

“Bella !” esclamò Marco .

“E tu hai una bellissima spada con lo scudo ”

“Sì me li ha fatti il nonno , anche questi sono pezzi unici . Ora vado a caccia di draghi ”

“Ma non ci sono draghi in questo parco ”

” Guarda eccone uno ”

Una povera lucertola rimase ferma un attimo poi dopo uno zac…zac…zac… di Marco , si nascose impaurita sotto un grosso sasso.

Mentre parlavano arrivò Gigi con uno smartphone nuovo di zecca e lo zainetto . “Ciao !” “Ciao ” risposero Marco e Anna.

“Avete visto che bello il mio smartphone ?”

” E’ uguale a quello che ha mio fratello più grande” aggiunse Marco con noncuranza

“Ma non mi interessa , ora sono un cavaliere con la spada e lo scudo ”

“Ed io sono una principessa con la sua bambola nuova ” disse la bambina.

“Prima stavo guardando un nuovo gioco , molto bello”, i due bambini lo ignorarono intenti ai loro giochi.

Gigi rimase pensoso e ripose nello zainetto lo smartphone e disse “Posso giocare anche io ?”

Marco sorrise e gli diede lo scudo “Sarai lo scudiero e proteggerai la principessa , ora andiamo in cerca di draghi “.

Si incamminarono tutti e tre nel grande parco tra un …zac…zac… zac…di papaveri che cadevano sotto una spada di legno.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti



Consigli di lettura