21Set
2015

Il mercante di stelle

Fiaba di: cdevo

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

C’era una volta…in una bella costellazione della galassia di Adromeda, Il Mercante di Stelle.

La piccola stella che illuminava e dava calore e vita al piccolo mondo della bella costellazione si stava pian piano spegnendo, così tutti gli abitanti, compresi quattro tipi di animali,volevano fuggire via prima che divenisse tutto buio e privo di vita.

L’unica persona che era serena e che possedeva un astronave era proprio il Mercante di Stelle.

Fu così che, per salvarsi, si scatenò una lotta furiosa tra i potenti del piccolo mondo per chi per primo, si sarebbe dovuto imbarcare sull’astronave e partire lontano dal pianeta morente.

Gli animali erano gli Orsi Polari, i Cammelli del Deserto, i Gabbiani dell’Aria e gli Orchi dei Monti.

Gli abitanti erano i Folletti del Nord, gli Gnomi del Sud, le Streghe del Cielo, le Sirene del Mare.

I Folletti del Nord volevano avere la supremazia rispetto gli Orsi Polari.

Il Mercante di Stelle si trovava con la sua astronave nella vetta più alta di quel piccolo mondo e mentre gli Orsi si recavano da lui salendo la vetta ghiacciata della montagna, i Folletti sciolsero la neve e fecero spuntare al suo posto delle lunghe spine.

Gli Orsi, per nulla sgomenti, mangiarono le spine e, battendo i poteri dei Folletti, raggiunsero ugualmente la vetta e il Mercante di Stelle li trasportò con la sua astronave in un bel pianeta che orbitava sulla Stella Sirio.

Il buon Mercante ottenne per questo viaggio delle bellissime perle.

Quindi egli tornò nella vetta del monte e lassù lo stavano raggiungendo gli Gnomi.

I Cammelli per fermare gli Gnomi bevvero tutta la loro acqua e a questo punto gli Gnomi si sentirono perduti ma, ad un tratto, si mise a piovere e tanto bastò perché essi potessero bere e raggiungere la vetta prima dei Cammelli.

Il Mercante di Stelle trasportò con la sua astronave gli Gnomi nel pianeta della stella Alfa Centauri.

Gli Gnomi lo pagarono con dei favolosi diamanti.

Fu quindi la volta dei potenti del cielo a contendersi la salvezza, con le Streghe sopra le loro scope e i Gabbiani abili nel volo.

Le Streghe stavano per raggiungere per prime la vetta dove si trovava l’astronave, quando le loro scope si ruppero a metà e caddero rovinosamente ai piedi della vetta.

I Gabbiani furbi, che avevano sabotato a posta le loro scope, arrivarono loro per primi dal Mercante di Stelle, che li trasportò nel pianeta Terra illuminato dal Sole.

I Gabbiani pagarono il loro Mercante con dei meravigliosi rubini.

Rimanevano nel piccolo mondo solo Sirene e Orchi.

Così mentre le Sirene nuotavano per andare dal famoso Mercante, gli Orchi prosciugarono il loro piccolo mare.

Una volta all’asciutto alle Sirene spuntarono, per incanto, delle belle gambe e così, tutte insieme, raggiunsero, correndo prima degli Orchi, la vetta dove si trovava il Mercante che le trasportò in un pianetino del Sistema della Stella Vega.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti



Consigli di lettura