19Mar
2012
ultima-notte-cielo-stellato-vincent-van-gogh

L’ultima notte di cielo stellato di Vincent Van Gogh

Fiaba di: brunocorino

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Notte insonne. Inquieta. L’ennesima.

Eppure questa notte è più calma.

L’aria è ferma, rappresa.

Sembra colare lungo le pareti e scendere lentamente dal soffitto, immergere ogni cosa.

Scivola piano sul pavimento.

Anche stanotte uscirò fuori a fumare la mia pipa.

Su quella sedia di paglia consunta, su quella sedia dove neanche un gatto s’addormenta.

Stanotte veglierò la luna e le stelle, e questo cielo terso, immobile, sentirò di nuovo l’odore monotono della campagna,

il suo silenzio immoto, spento.

Ma non ho voglia di alzarmi dal letto.

Sento la testa pulsare, e un male interiore che dentro mi consuma; lentamente, inesorabilmente.

Vorrei essere quel cipresso là, paziente, calmo; avere la sua saggezza, essere come i suoi rami che fitti si stringono al petto e s’assottigliano nella crescita; essere flessibile, ma robusto; possederne la forza capace di lottare con il vento; elevarmi in l’alto, fino a toccare la volta celeste; avere il suo profilo filiforme, ironico, ma sagace.

E non temere la solitudine.

Non sentire tutte queste strade che dentro m’abbandonano,

che mi conducono verso il nulla e si perdono nel vuoto.

Vorrei sentire il profumo dei colori, essere quel blu cobalto che suggella la mia anima e la finestra di questa stanza; questa piccola stanza disadorna, quasi senza fiato, senza prospettiva, dagli angoli smussati, tagliati da una luce oscura che non vibra.

E dipingere questo paesaggio bluastro, violaceo, lunare, con delle tinte cupe, far sentire la sua voce, i suoi peccati, far gridare la mia carne, avvolgerlo in vortici voluminosi, in desideri a spirale, ch’impazzano in ogni direzione, senza fine senza inizio. Senza sosta.

Ah, se la mia testa smettesse di pulsare!

Potrei persino prendere sonno e addormentarmi in questa notte di cielo stellato, abbandonarmi ai miei incubi, ai miei sogni;

non sentire il vuoto di questa vita scendere leggero dentro i miei abiti,

negli scarponi abbandonati sotto il letto, coperti di fango, che hanno vagato anche oggi su questi campi ondeggianti di grano, senza meta, senza direzione, al solo scopo di stancarsi, di non riposarsi, folli nel loro cammino.

Eppure, nel cielo c’è sempre quella luce stellare che non mi stanco mai di guardare.

È una luce magnetica, elettrica, la stessa che tocco tra quelle spighe di grano.

Se domani riuscirò ad addormentarmi anch’io potrò  raggiungerla, e forse sfiorarla con mano.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti