25Gen
2012
racconto-dita

Il racconto delle dita

Fiaba di: patty

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

C’era una volta una casetta (pugno chiuso) In quella casetta abitavano:

– il papà (si alza il pollice)
– la mamma (si alza l’indice)
– il nonno (si alza il medio)
– la nonna (si alza l’anulare)
– il bambino (si alza il mignolo)

La casetta sorgeva ai margini di un bosco e di giorno rimaneva sempre chiusa (pugno chiuso), ma alla sera il primo ad arrivare a casa era il papà (si alza il pollice) che era stato a lavorare, poi arrivò la mamma (si alza l’indice) che anche lei era stata a lavorare, poi busso alla porta della casetta il nonno (si alza il medio) che tornava dal bosco dove era andato a fare la legna.

Poi arrivò anche la nonna (si alza l’anulare) che tornava dall’orto e per ultimo il bambino (si alza il mignolo) che tornava da scuola:

La casetta era aperta e felice (mamo aperta), ma dopo aver cenato il primo ad andare a letto fu il bambino (si chiude il mignolo) perchè il giorno dopo doveva andare a scuola, poi anche la nonna andò a letto (si chiude l’anulare) perchè era stanca, aveva piantato le patate nell’orto, anche il nonno andò a letto (si chiude il medio) dopo aver fumato la pipa sulla poltrona vicino al camino.

E poi, dopo aver lavato i piatti  e riordinato,andò la mamma (si chiude l’indice); l’ultimo fu il papà (si chiude il pollice) che dopo aver chiuso le finestre e la porta della casetta e spento le luci, andò pure lui a dormire.

La casina fu di nuovo chiusa (pugno chiuso)

Il mattino dopo, il primo ad alzarsi fu il bambino (si alza il mignolo) che doveva andare a scuola, poi, anche la nonna si alzò (si alza l’anulare) per andare a dare da mangiare alle galline nell’orto e raccogliere le uova; poi si alzò il nonno (si alza il medio) che doveva tornare nel bosco, la mamma (si alza l’indice) che doveva preparare la colazione per tutti e infine si alzò anche il papà (si alza il pollice). Finita la colazione tutti uscirono e la casetta rimase di nuovo sola e chiusa (pugno chiuso) fino a sera.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti