20Feb
2014
gatto-miro

Il gatto Miro

Fiaba di: I piccoli teatranti della Associazione Romana Arte Danza

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Fiaba di Christian Alicanti.

A Roma viveva un gatto di nome Miro che aveva dei baffi lunghi lunghi, per questo motivo Miro pensava di essere il re ed era prepotente. Quando passava lui, tutti i gatti avevano paura e scappavano.

Un giorno Miro incontrò per strada il gatto Richi e gli disse di spostarsi per farlo passare. Richi lo guardò, non disse niente e non si spostò. Allora Miro disse a Richi :

“Conto fino a tre e poi dovrai levarti.” Ma Richi rispose:

“Tu non mi fai paura, con quei baffi lunghi lunghi sembri un pagliaccio!”

Allora Miro, tutto arrabbiato, si mise a rincorrere Richi, che entrò in un secchio dell’immondizia. Anche Miro entrò lì dentro ma il secchio era pieno di spazzatura e molto stretto. I lunghi baffi di Miro si piegarono e a Miro iniziò a girargli la testa. Così Richi uscì dal secchio, Miro invece non riusciva ad uscire e aveva le vertigini.

Richi aiutò Miro ad uscire e disse:

“I tuoi baffi lunghi sono il tuo vanto ma sono pericolosi perchè se si spezzano perdi l’equilibrio e ti viene il mal di testa. Da oggi in poi devi smetterla di fare il cattivo e devi chiedere scusa a tutti i gatti con cui ti sei comportato male.”

Mirò accettò e non fece mai più il prepotente.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti