08Gen
2014
clotilde

Clotilde

Fiaba di: Orsola

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Clotilde viveva sola, non parlava con nessuno, era molto triste.

Le anziane del paese uova, farina, frutta fresca per aiutarla. A volte carbone per il camino.

Clotilde non è stata sempre un befana.

Nella sua gioventù era un madre affettuosa.

Poi un brutto giorno la casa prese fuoco, morirono nell’incendio i suoi cari, bambini compresi.

La giovane cambiò molto, Clotilde viveva il ricordo di quel giorno.

Diventò la befana del paese per veder felici i bambini.

Posso dirvi però non era molto bella: goffa, gobba, rugosa, non amava farsi vedere così dai bambini.

Al negozio dei giochi comprava maschere e costumi.

Per poter uscire la sera del 5 gennaio i bambini dicevano: “però Clotilde è molto bella!”

Una volta rincasata, toglieva il nuovo abbigliamento e sedeva vicino al fuoco pensando ai bambini, alle rise alla gioia.

Dio ti abbia in gloria, Clotilde,

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti



Consigli di lettura