11Dic
2012
vita-fantasma

La mia vita da Fantasma

Fiaba di: Marco Macciò

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Io mi chiamo Robinson e sono un fantasma burlone, ma anche curioso e giocherellone. Sono robustello e basso, ma non mi importa, io volo.

Mi piace molto spaventare la gente, infatti ho preso di mira una ragazza viva che si spaventa molto facilmente; si chiama Licia, mi piace farla inciampare in palestra, non farla dormire, farla rotolare per le scale, e senza dubbio, ci rido sopra.

Vivo in una villa abbandonata, e, siccome sono invisibile, ho preso, in effetti, ho rubato i mobili. La parte che personalmente preferisco è la notte, perché così posso accendere le luci spente delle case e degli uffici, accendere anche le TV, e un giorno, solo per sbaglio, ho rotto un finestrino di una Fiat, ma vi ripeto, non l’ho fatto apposta.

La cosa che preferisco della mia vita da fantasma è che posso fare il giro del mondo, anche se ho paura degli aerei. Voi vi chiedete: “PERCHE’????!!”, ve lo spiego io…

Sono morto all’età di 15 anni durante un volo verso Londra. Ma l’aereo, invece di atterrare, si schiantò sul centro della città. Sono morto da 125 anni.

Comunque, io volo, allora mi sono goduto l’Inghilterra, anche Barcellona, ho conosciuto in Germania il fantasma del mio idolo, Albert Einstein, ho scoperto anche, prima di tutto il mondo, che i Maya NON HANNO MAI DETTO che il 21/12/2012 ci sarà la fine del mondo, e me la spasso con in miei amici.

Rimpiango però la vità mortale, avevo tutta la mia vita davanti; avevo una fidanzata, dei genitori e degli amici in carne e ossa. Ma non dovete pensare che la vita da fantasma sia molto semplice, anzi, a dirla tutta la vita mortale è molto più bella e semplice.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti