18Dic
2017

Un pezzo di cielo

Fiaba di: Maria Carmela

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Il bambino raccolse i suoi risparmi e in tutta fretta entrò nel vecchio bazar, dove l’insegna in legno di ciliegio proclamava “Qui troverete tutto quello che cercate”

-Buongiorno, signora -esordì- vorrei comprare…-

La donna lo guardò incuriosita.

-Coraggio, cosa vorresti? –

-Ecco, signora… questi sono i miei risparmi, ma in ogni negozio tutti mi dicono che non ce l’hanno e che sono matto a pensare di trovarlo. Qui avete scritto che avete tutto quello che uno cerca.-

-E quindi, dimmi, tu cosa cerchi?-

La guardò dritto negli occhi.

-Vorrei comprare un pezzo di cielo, il più azzurro che c’è, anche piccolo, fin dove arrivano i miei soldi-

Gli uscì tutto d’un fiato, poi restò fisso a guardarla, speranzoso.

-Come ti chiami, bambino?-

-Riccardo. Ce l’hai?-

-Vieni con me, Riccardo… ti fidi?-

-Si-

La donna chiuse la porta del negozio e aprì il retro, su un immenso campo verde fiorito, pieno di uccelli e di farfalle, con tanti alberi ricolmi di fiori e di frutti dove il sole e gli arcobaleni non conoscevano ostacolo alcuno.

Riccardo era ancora stordito da tanta bellezza, tanta musica e profumi, abituato com’era all’aria chiusa e inquinata di città, allo stridire dei freni e al via vai delle auto.

-Signora, è magia questa?-

Lei sorrise: -Si, è la magia della Natura. E adesso guarda in alto… cosa vedi?-

-Il cielo, e com’è azzurro!-

-Ecco, vedi com’è grande e lontano? Come faccio a tagliarne un pezzo? Come faccio a comprarlo e a venderlo? E come faremmo se tutti ne tagliassimo un pezzo? Dove andrebbero le stelle, la luna, il sole, le rondini… come scenderebbe la pioggia? e la neve?-

Riccardo abbassò la testa.

-Tesoro, il cielo è lassù per tutti, è un dono che tutti hanno ma nessuno può possedere. Ma dimmi, perché ne vorresti un pezzetto solo per te?-

-Perché ho paura del buio e così la notte posso metterlo sul cuscino e chiamare una stella a farmi compagnia.-

La donna lo accarezzò e sorrise.

-Riccardo, apri le mani e guarda-

Lo stupore fu grande: nelle mani l’azzurro e tanti puntini lucenti, uno più grande di tutti.

-Vedi? Lo hai già il cielo: il sorriso delle persone buone, le carezze di chi ti ama e ti protegge, l’amore grande della tua mamma, quella stella più luminosa e bianca. Il buio non deve farti paura, c’è proprio per farti vedere la luna e le stelle, sentire il silenzio della notte e cullarti nei sogni. E quando penserai di avere ancora paura, poggia la tua mano sul viso e sentirai il calore dell’amore di chi ti vuol bene, tutto il loro amore,  sentirai il cielo più azzurro nel tuo cuore, l’unico cielo che sarà tuo per sempre.-

-Grazie.-

Le regalò un bacio e uscì dal negozio guardando ancora le sue piccole mani.

Lungo la strada i soliti passi frettolosi della gente e il solito barbone con la schiena curva, la testa china quasi a toccare quel grigio rettangolo sotto le gambe incrociate. La mano, tesa a raccogliere qualche briciolo di pietà dal cuore dei passanti. Riccardo si fermò come al solito, e come al solito, mise nella mano un paio delle sue monete.

-Ah, sei tu! Il solito bambino che mi racconta che ha paura del buio! Grazie! –esclamò il barbone, chiudendo la mano e sfiorando le piccole dita- Se il mondo fosse dei bambini! Se i grandi fossero bambini!-

Ma Riccardo questa volta si inginocchiò di fronte a lui, gli prese le mani e le strinse forte. Poi gli sussurrò in un orecchio:

-Non ho più paura, lo sai? Adesso so come avere il cielo, ogni volta che voglio, guarda, devi solo appoggiare la tua mano sulla guancia e sentire quanto ti voglio bene, anche quando non sono qui! Io sono un bambino e posso darti solo questo, ma nel cielo ci sono tante stelle ed è così bello quando c’è la luna tutta piena!-

L’uomo baciò le manine strette nelle sue e una lacrima parve quasi benedirle.

Il sole si svegliò sbadigliando. Come Riccardo che lo guardava dal vetro. Che strano, gli sembrava proprio che gli avesse fatto l’occhiolino!

Consigli di lettura

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti