17Lug
2017

L’ombra del giorno

Fiaba di: Nonno Frank

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

L’ombra del giorno era rimasta sola e guardava sconsolata la luna che splendeva ma non a sufficienza per farla completamente riapparire. Stava rannicchiata tra le radici di una quercia e un ciuffo di felci.

Era poco più di una sfumatura di grigio che ballonzolava nella brezza della notte.

Una lucciola passando la notò e le si avvicinò ” chi sei e che cosa fai tutta nascosta ?” ” sono l’ombra del giorno e se mi muovo rischio di perdermi nel buio .

Passò anche un tasso che proprio non la vide e anche un serpentello e una faina , lei era sempre più nascosta , quasi invisibile.

Così passò la notte , l’alba cominciò con un chiarore rosato e lei prese coraggio e cercò di uscire dalle radici e di far capolino dietro i cespugli . Pian piano sorse il sole e lei finalmente rinacque nella lunga ombra della quercia , nelle frastagliate ombre delle felci e si distese svegliando i funghetti e le chiocciole che uscite dalla loro casetta cominciarono la ricerca di cibo.

Si allungò sempre di più felice perché il giorno era tornato.

Consigli di lettura

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti