31Ago
2015

La ranocchia Gelsomina scopre il segreto del mare

Fiaba di: Patrizia Ambrosini

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Era il tramonto, il cielo iniziava a velarsi di nuvole rosa, il sole, una palla rossa, si rifletteva nell’ acqua, ad uno ad uno gli ombrelloni si chiudevano sulla spiaggia.

Le due sorelle Topine e la Ranocchia Gelsomina si incamminarono verso casa.

Era ora di cena e per l’occasione la Ranocchia si vestì con una camicia azzurra, una cravatta rosa e i pantaloni blu, mentre le sorelle Topine un vestito fucsia a pois neri, un nastro rosa fra le orecchie e le scarpe luccicanti.

La Ranocchia Gelsomina era assorta nei suo pensieri; non capiva come mai l’acqua del mare aveva quel brutto sapore e non sapeva come risolvere il mistero.

Quella notte non riuscì a dormire …

Le sorelle Topine invece, al sorgere del sole, presero il costume, la crema da sole, l’asciugamano e corsero in spiaggia.

Il mare era tranquillo e una brezza leggera agitava lentamente gli ombrelloni, le Topine si tuffarono in mare giocando felici con le meduse

Il sole era già alto nel cielo e la Ranocchia Gelsomina non era ancora arrivata in spiaggia. Le sorelle Topine iniziarono a preoccuparsi.

“ Forse sta male e ha bisogno di noi” disse una Topina

Stavano per andare a cercarla, quando la videro arrivare.

“ Dove sei stata … eravamo preoccupate!!” dissero le sorelle

La Ranocchia non rispose, subito andò a vedere il secchiello che aveva lasciato il giorno prima in spiaggia.

L’acqua , come per magia era scomparsa ma sul fondo erano rimasti dei sassolini bianchi che luccicavano alla luce del sole.

“ Che sarà mai “ pensò stupito.

Anche le sorelle Topine guardarono con gli occhi spalancati quei piccoli sassolini bianchi.

“ Ma dove è finita l’acqua?”dissero guardandosi

“ Non so, è un mistero “ disse la Ranocchia con aria sconsolata.

Un bambino, poco lontano da loro, stava costruendo un castello di sabbia, e ascoltando le parole della ranocchia disse:

“E’ sale…. quei sassolini bianchi sono il sale, il mare è pieno di sale!”

I tre amici guardavano stupiti il bambino.

Cosa stava dicendo!!

“ Il sale è sciolto nell’acqua del mare e per questo ha un cattivo sapore”

disse il bambino

“Ma cos’è il sale “ chiese la Ranocchia Gelsomina

“ Il sale sono quei sassolini bianchi luccicanti che hai trovato nel tuo secchiello, il sole ha fatto evaporare l’acqua lasciando vedere il sale.” spiegò il bambino

“A cosa serve il sale?” chiesero le sorelle Topine

“ Per dare sapore ai cibi”disse infine il bambino tornando al suo castello di sabbia.

“ Ecco svelato il mistero!” la ranocchia Gelsomina guardò a lungo quei sassolini bianchi, li prese tra le zampine e li mise al sicuro; li porterò al bosco e racconterò a tutti il mistero dell’acqua salata” pensò.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti