28Set
2015

La gita scolastica di Stella

Fiaba di: Simona Vezzuto

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Questa storia descrive i sentimenti del cane maltese Lillo quando la sua padroncina Stella parte per la gita di quinta elementare. Quanta nostalgia nel suo piccolo grande cuore! E quanta gioia nel ricevere il suo caldo abbraccio non appena tornata…

Alle 4.15 la sveglia suona, mentre fuori  tutto è buio e la notte è ancora padrona del cielo.

Stella, la mia padroncina di 10 anni, è felicissima e chiama Matteo, il “nostro” papà, piena di gioia.

La mamma aiuta a preparare le borse e le valigie, mi accarezza la testa e mi promette di rimanere a casa con me.

Ma cosa sta succedendo?

Perché papà e Stella ci lasciano a casa e dove andranno così felici? Felici senza di noi?

La porta si chiude, dopo tanti baci e la mamma torna a riposare, tenendomi stretto al suo cuore…

Seguono giorni sempre uguali: la mamma cerca di rincuorarmi e di coccolarmi un po’, ha raddoppiato la dose di bocconcini ma quanto è vuota la casa senza quei due.

Neppure i giochi con la coniglietta Liquirizia e con il gatto Klimt sono divertenti come sempre: mi mancano gli altri componenti della famiglia e soprattutto le grida festose di Stella, le sue mille carezze e i passi del babbo quando la sera torna dal lavoro e mi chiama “ Chicco del suo papà!”

Poi una telefonata… La mamma inizia a correre, afferra il guinzaglio, mi dice che finalmente stanno tornando!

Sento da lontano il loro odore e corro, dai, mamma corri anche tu, che devo leccare la mia Stella!

Oh, finalmente! Ora lei è tutta per me ed anche papà ed io abbaio forte forte mentre la mamma sorride.

Anche se Stella non ha potuto portarmi un osso non importa, non mi manca niente.

Ora che siamo insieme inizia, per noi, la più bella delle vacanze. Quella di ogni giorno.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti