02Apr
2015

A vicciaredda… A vecchierella

Fiaba di: Rosy

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Dialetto siciliano… A vicciaredda

Chi ccì puozzu fari
chista è a vita mia
sugnu na vicciaredda
ca che pieri non ccì a fazzu
Patri Nuostru ti fai a cruci
cu la mano cuogni a cruna
nu sciallino niuro
ca thàntuppi i spadduzzi friddi
e i causetti ri lana ca ti tienuno cauri i pieri
si sittata di na seghia di paghia
e tiene supra lanchi nu iatto biancu
ca ti fa ri stufa
sfirruzzi che ughi i malletti fini fini
ca vitriata a filezzadda fa trasiri aria e luci
veni a tucculiari a cummaredda ru vicinato
thà dumanna na pampineddè ri putrusino
tu vicciaredda si sula sula a casa
thà marito sinnuo a casa ranni
e i thà fighi sunu lontano a Merica
Avi o Maria pruteggimi
tu accarizza lu iattu
si vivi nu bicchieri ri acqua
si fa a sbota ro lietto e si cucca
prestu prestu
rumani ssà susiri ri bona ura
ca prima mota
re campani
pi ghiri a missa prima
ca o suli cauria u paisi

Vecchierella…Traduzione
Che ci posso fare
questa è la vita mia
sono una vecchiarella
che con i piedi non c’è la faccio
Padre Nostro
ti fai la croce
con la mano scorri la cruna
e con lo scialletto nero
che ti copre le spalle infreddolite
le calzette di lana ti tengono caldi i piedi
Sei seduta su una sedia di paglia
e tieni sulle gambe un gatto bianco
che ti fa da stufa
sferruzzi coi ferri merletti delicati
con la vetrata socchiusa
fai entrare aria e luce
viene a bussare la commare del vicinato
ti chiede un pò di prezzemolo
Tu vecchierella
sei sola sola in casa
tuo marito è andato via nella grande casa
e i tuoi figli sono lontani in America
Ave o Maria proteggimi tu
accarezzi il gatto
ti bevi un bicchiere di acqua
ti sistemi il letto e ti corichi
presto presto
domani devi alzarti di buon ora
prima del primo rintocco delle campane
devi andare a messa
prima che il sole riscaldi
il paesino siciliano

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti