23Apr
2014
martina-e-la-paura-del-buio

Martina e la paura del buio

Fiaba di: Rita Bimbatti

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Martina è una bambina molto carina, con i capelli neri neri e gli occhioni grandi e vispi. Ha sette anni e frequenta la seconda elementare.

Vuole molto bene ai suoi genitori, e quando finisce i compiti aiuta la mamma nelle faccende domestiche, come apparecchiare la tavola, pulire il pavimento, riordinare i vestitini da mettere il giorno dopo. L’unico problema è che la bimba ha paura del buio, e la sera tarda a prendere sonno nella sua cameretta.

A volte si sveglia nel cuore della notte urlando e corre nella stanza dei suoi genitori fiondandosi nel lettone fino al mattino dopo. Mamma e papà sono un po’ preoccupati.

“Appena mi sdraio comincio a sentire strani rumori e mi sembra di vedere tanti occhi che mi fissano!!” dice la piccola.

“Amore, non c’è nessuno…saranno i fari delle auto che passano, e lasciano intravedere piccoli fasci di luci dalle tapparelle abbassate!” la tranquillizza la mamma. A nulla servono le parole di conforto dei genitori, per Martina è sempre più difficile addormentarsi. Ogni tanto i suoi amichetti la prendono in giro simpaticamente.

“Ma dai!! Ormai hai sette anni!!Sei grande, come fai ad avere ancora paura??” le dicono.

Ma Martina non vuole sentire ragione. Una sera, mentre si accinge ad andare a letto, si accorge che la mamma ha dimenticato la finestra aperta. E’ una calda sera e anche se fuori è buio, la luna brilla in alto nel cielo illuminando tutta la stanza.

“Che bella! Se ci fossi sempre tu, cara Luna, a farmi compagnia, non avrei più paura del buio!!”Nel mentre vede passare un puntino brillante.

“Cosa sarà mai??” Era Lucilla, la lucciola del prato.

“Ciao! Tu chi sei?” domanda Lucilla.

“Mi chiamo Martina, sono la bambina che ha paura del buio” esclama la piccola.

“Già, gli insetti mi avevano avvisata…aspetta, ti presento le mie sorelle”.

Pian piano fanno capolino tanti puntini luminosi, sono le sorelline della lucciola. Magicamente compare sul comodino una scatolina di cristallo aperta. Una per una, le lucciole si tuffano dentro, creando una sorta di strana lampadina ad intermittenza, dove le tante lucine si accendono e spengono: sono Lucilla e le sue sorelle che stanno facendo un girotondo.

“Da questa sera ci saremo noi a farti compagnia!” esclama Lucy, la sorella maggiore.

“Non dovrai più avere paura!” urla Lallabel, la sorellina minore.

Già, adesso Martina non ha più paura e la sera si addormenta nel suo letto, accompagnata dallo sfavillio di luci all’interno della scatolina di cristallo….anzi, se chiudete gli occhi potete vedere anche voi le piccole lucciole che giocano a rincorrersi, felici e sorridenti.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti