29Gen
2013
riso-terra

Come il riso arrivò sulla terra

Fiaba di: Gwen

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Una leggenda popolare raccontata infatti che un buon genio della campagna se ne stava tranquillo a osservare compiaciuto la vita degli uomini: Essi avevano dimenticato da tempo l’ultima terribile carestia che li aveva colpiti,

Vivevano serenamente e la loro esistenza semplice andava al passo con il ritmo della natura, Gli anni scorrevano come un fiume lento e tranquillo,lasciando nella memoria delle persone la gratitudine per il doni che ricevevano dalla terra, Infatti, nonostante la coltivazione dei campi costasse molta fatica, gli uomini avevano di che sfamare le loro famiglie in abbondanza.

Essi guardavano con meraviglia il sole sorgere ogni giorno nel cielo, gli stormi di uccelli tagliare le nubi a primavera, il fiorire rigoglioso delle piante e sentivano che vi era una potente energia nella natura, capace di dare loro il vigore necessario per affrontare il lavoro.

Dopo anni di abbondanza, inaspettata, tornò sulla terra una nuova grande carestia che provocò immense sofferenze al popolo degli uomini.

Il buon Genio della campagna osservava impotente la tragedia che si stava consumando sotto i suoi occhi e si disperava poichè non aveva nessuna soluzione da offrire agli esserei umani.

Come averebbe potuto sfamare il suo popolo?

Per lo sconforto si strappò tutti i denti e li gettò al vento. I denti volarono fino a cadere in una palude dove si trasformarono in semi. I semi crebbero e diedero forma a molte piccole piante che produsse migliaia di frutti bianchissimi, una volta sbucciati, come i denti del buon genio.

Da allora il popolo degli uomini iniziò a coltivare il riso e non patì più la fame.

Da migliaia di anni, infatti, il riso è l’ingrediente principale nelle mense dei popoli dell’Oriente ed è tuttora un simbolo di abbondanza e prosperità.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti



Consigli di lettura