28Ago
2013
orione-carmela

Orione

Fiaba di: marrazzo carmela

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

D’oro la pioggia dai lombi divini
sulla pelle del toro immolato
dal devoto e misero Iseo
nell’orto poi ripiegata e sepolta
E nacque dal grembo della terra
il bambino promesso.

Splendido e forte cacciatore
le nubi corona al suo capo
mentre dalla montagna
veniva in pianura.
Fatale, l’amore lo perse
benché figlio di Dei .

Compagno di caccia di Diana
suscitò le ire di Apollo
che tese loro il tranello crudele.
La freccia scoccata credendolo preda
spense per sempre l’azzurro degli occhi.

Venne a riva il corpo di Orione
come marmo venato di rosso
trafitto alla tempia dal dardo d’argento
Pianse affranta la Dea
mentre Sirio, cane fedele, ululava alle onde.

Mosso a pietà da tanto dolore
Giove lo pose su in cielo
dove continua la caccia
nei campi fioriti di stelle
armato di corazza e spada d’oro
e in compagnia di Sirio fedele.

E Diana, al calar della sera,
quando malinconica e sola ritorna
leva gli occhi al firmamento incendiato
e guarda amorosa il suo bel cacciatore
che le sorride accentuando il bagliore
e alleviandole così la pena del cuore.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti