31Dic
2010
I topi e il gufo

I topi e il gufo

Fiaba di: Redazione

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Non bisogna creder mai
di contar cose sublimi
alla gente.
Come vuoi che ognuno estimi
egualmente
tutto ciò che tu dirai?

Una prova assai sincera
noi l’abbiamo in questa istoria,
che sembrar può inverosimile
ed è vera.

Abbattevano un pin, vecchio palazzo,
asil oscuro e tristo
a quell’uccel che d’Atropo
è messaggier sinistro.

E dal suo vecchio tronco rosicchiato
dal tempo, insiem a molti altri inquilini,
grassi, rotondi uscirono,
ma coi piè mozzi, alcuni topolini.

Il maledetto Gufo avea col becco
mutilate le bestie e le nutria
di gran, di pan, di briciole,
in casa con squisita cortesia.

La brutta bestia in altre circostanze
avea veduto i topi prigionieri,
se appena lo potevano,
dalla prigion scappare volentieri.

Onde trovò il rimedio,
man man che ne pigliava sulla via,
di romperne le gambe e poi con comodo
mangiarli e così via.

Non si voleva prendere l’affanno
di mangiarli in un giorno, ed anzi il caso,
oltr’essere impossibile,
poteva alla salute esser di danno.

Dié segno dunque d’una previdenza,
che non si dà l’eguale, sto per dire,
neppure in mezzo agli uomini.
Pei topi fu una mezza provvidenza:
ché li serviva a tavola
con tanta carità, che a un cartesiano,
per cui tutto non è che un meccanismo,
dovea parer quel Gufo un poco strano.

Se non era ragion che consigliavalo
ad ingrassar quei topi nella stia
e a romperne le gambe,
non so più la ragion che cosa sia.

Ei pensava così: – Poiché mangiarli
non posso in una volta ed essi scappano,
pel pranzo di dimani
bisogna ben ch’io pensi a conservarli.

Però togliendo ai topolini i piedi,
o saggio Gufo, al caso tuo provvedi -.
Dite voi se Aristotele ed i sui
ragionavano meglio di costui.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti