15Mar
2018

L’uccellino che non voleva volare

Fiaba di: nonna lulù

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Un uccellino, di nome Piuma, aveva paura di volare.

I genitori avevano provato in tutti i modi ma non c’era nulla da fare, la paura lo bloccava e se si insisteva cominciava a tremare.

Lo portarono dal Dottor Gufo. In attesa di entrare a far la visita videro, seduto per terra, un topino con una benda sugli occhi, perchè un gatto birbone, che girava continuamente nei boschi, lo aveva graffiato e non ci vedeva più.

Mentre aspettavano il loro turno Piuma e il topolino parlarono di tutto e divennero amici.

Quando fu il turno dell’uccellino di entrare si salutarono con la speranza di rivedersi. Il Dottor Gufo lo visitò bene, esaminò le ali, e rimase meravigliato del fatto che l’uccellino non volasse, ma, ahimè, non aveva consigli da dare: mamma e papà avevano già fatto tutto quello che lui avrebbe consigliato.

Le giornate andavano avanti senza che l’uccellino facesse progressi, stava tutto il giorno sull’albero o dentro il nido, a dormire e a guardare mentre i suoi fratellini volavano da mattina a sera.

Un bellissimo giorno d’estate Piuma, mentre stava sdraiato sul ramo beatamente al sole, vide passare sotto l’albero il suo amico topolino. Era lui, impossibile sbagliarsi, con la sua andatura cauta e lenta, incespicando continuamente contro qualcosa.

Per farsi notare fece per eseguire un bel cinguettio ma con la coda dell’occhio intravide il solito grasso gatto che si avvicinava piano piano, pronto a saltargli addosso. Che fare??? Se lo avesse chiamato non sarebbe servito a nulla, il topolino non poteva correre veloce non vedendoci, c’era solo una cosa da fare……..Aprì le ali e in picchiata volò giù in testa al gatto che, non aspettandoselo, fuggì spaventato.

Il topolino era salvo grazie a lui.

Da quel giorno furono inseparabili, dove andava uno andava l’altro, divennero due grandi amici e Piuma da quel giorno lo protesse sempre, sapendo che doveva tutto a quel simpatico topino.

Per lui aveva imparato a volare e come era bello farlo!

Consigli di lettura

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti