11Mag
2016

La coccinella fortunella e rubino il cuoricino per la festa della mamma

Fiaba di: 06rafi06

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Nelle fiabe e nelle favole, come ho sempre detto, il tempo e lo spazio sono intangibili ed incalcolabili preludi di preziose e misteriose “scintille”, lontani dall’esattezza scientifica e dall’immanenza per cui, ogni storia che vi ho raccontato e vi racconto è avvenuta certamente nel magico splendore di una “scintilla d’oro o d’argento” e di ogni preziosa gemma di primavera.

Dunque, proprio durante l’esplosione di una di queste scintille  e di preziose gemme di primavera…………. :

maggio era già arrivato con profumi intensi soprattutto di rose, ma anche di margherite, di viole, di nontiscordardime, di mandorli, di ciliegi, di meli, di peschi, di dalie, di gigli ancora timidi e di calle abbracciate in se stesse, di nobili camelie.

Il cielo, azzurro e trasparente si rifletteva nel mare di acqua marina e dominava sereno sui prati di verde smeraldo dove farfalle meravigliosamente dipinte da Dio, svolazzavano principesche e soavi di fiore in fiore per suggellare la sacralità di un mese così speciale dedicato alla Madonna, Madre Celeste ed a tutte le Mamme dell’ Universo, dolci ed amorevoli sempre con i loro “cuccioli” che tali restano per l’ Eternità.

I ruscelli, freschi ed argentini, si snodavano tra pietre, sterpi e fiori spontanei belli e profumati come quelli dei giardini anzi, forse di più, proprio come tutto ciò che è spontaneo…………..

Il sole già splendeva regale nel cielo e di notte, le stelle erano già meravigliosamente di maggio per illuminare la terra con le lucciole al cri-cri dei grilli saltellanti.

Profumi, luci ed emozioni erano inebrianti sia di giorno che di notte, dovunque!

Anche le coccinelle, tra tutta l’ altra fauna risvegliatasi a primavera, scivolavano di foglia in foglia, recando la magia della fortuna a tutto ciò che toccavano quando……….., non si sa come e perchè, tipico dell’ incantesimo delle fiabe, dove tutto è possibile sempre ed inaspettatamente, una “vivacissima” coccinella finita in una “dolce e succulenta” scatola di biscotti da latte per la prima colazione dei bambini, incontra un cuoricino sconsolato, timidissimo e mogio, di nessun valore perchè di plastica  per di più, incolore….

Allora, l’ esuberante coccinella esordì:
“Avvicinati, piagnucolone…..lo sai che io porto fortuna dovunque e da sempre!?”

Il cuoricino più avvilito che mai, incredulo, la ignorò completamente, anzi rotolò quasi per allontanarsi………………..

Ancora la coccinella Fortunella, offesa per l’ affronto esplose:
“Heiiii, tuuuu, tornaaaa quiiiii……..forse non hai capito che io porto fortuna e, poi…….poi………..vengo da Rimini, da un bellissimo giardino di Scuola Materna “Baldini” con tanti, tanti bambini che fatto sorridere per sempre………….e poi sono andata spesso a Montecarlo dai Gemellini Principini!?

Sapevi che in Asia ad esempio non è solo credenza comune che le coccinelle abbiano il potere di conoscere tutte le lingue del mondo, ma addirittura che ogni singolo esemplare sia stato benedetto “Personalmente” da Dio e che in Francia  è scontato che le coccinelle portino via malattie e malesseri interiori ed in tutto il Nord Europa è certezza che se ti sfiora una coccinella si avvera ogni desiderio………e……!?!?

A quelle parole di sfida grossolana, il cuoricino si fermò d’ improvviso e rimbrottò deciso:
“Zitta – sburona (ndr. sbruffoncella) – è per quello che sei cosi rossa!?

Sei già stata in spiaggia !?!?

La coccinella, allora, si avvicinò, lo sfiorò con la sua veste a pois confortandolo che da quel momento la fortuna non l’ avrebbe più lasciato ed ogni suo desiderio si sarebbe avverato……………..

Il cuoricino allora borbotto’: “…………Così anch’ io potrò avere una Mamma che mi ami e alla quale voler bene incondizionatamente!?”

“Ma certo, vedrai……….io sono la Coccinella Fortunella, stai certo che non rimarremo chiusi in questa scatola di biscotti, rischiando il -reso-”  rispose la coccinella tutta pimpante e mentre  terminava l’ ultima parola un sussulto e poi un tonfo fece finire la scatola dei golosi biscotti dallo scaffale del negozio di leccornie per terra.

Cuoricino imprecò immediato verso la coccinella incredula :” Amica mia che botta!?……., alla faccia della Fortuna!…………

Invece, la Fortuna era già arrivata sia per la Coccinella che per Cuoricino, infatti la scatola di biscottoni, era stata scelta da due splendide bambine entrambe bionde con gli occhi azzurro-blu  che si erano incuriosite per la coccinella Fortunella sulla scatola e per il cuoricino sorpresa, ma non arrivando allo scaffale, seppure in punta di piedini, il “tonfo” era scontato e fu immediato.

Il giorno della Festa della Mamma, le due piccole sorelline, alla prima colazione, aprirono la scatola di biscotti e con grande sorpresa trovarono la Coccinella Fortunella e il cuoricino di plastica ancora avvinghiati dal momento del “fatidico tonfo” per terra!

Le piccine, a stento li divisero; li coccolarono per rincuorarli e quando incontrarono la Mamma, oltre il bacio e l’ abbraccio, la più grande tirò fuori dalla manina la coccinella in segno di Fortuna per la Mamma e la più piccola non voleva liberare dalla manina il cuoricino da regalare alla Mamma perchè di plastica, senza valore.

La Mamma allora, commossa  spiegò alle sue piccoline quanto fossero graditi quei regali perchè spontanei e d’ amore.

Così li attacco subito al meraviglioso braccialetto che portava al polso e disse che non l’ avrebbe mai più tolti perchè più preziosi di qualsiasi gioia.

Felicissime le piccine, felici la  Coccinella Fortunella ed il cuoricino che  aveva trovato una Mamma tanto che ancora oggi e così sarà per sempre, oltre la Stella di Mia Madre, al Mio braccialetto c’ è la Coccinella Fortunella  e il Cuoricino, sempre felici e tintinnanti, regalatimi da lle mie dolci Bambine Anthea e Desirèe con tanto Amore e Fortuna.

E come per ogni fiaba che si conviene, la Coccinella Fortunella, all’ istante divento oro e corallo rosso fiamma ed il Cuoricino tutto di “Rubino” – rosso e prezioso dall’ abbraccio della Coccinella Fortunella – e sono sempre qui con me, anche adesso che sto raccontando la loro magica favola!

Auguri a Tutte le Mamme del Mondo, soprattutto a quelle più tristi……….la felicità è sempre e solo in Noi, soprattutto per le cose più semplici e spontanee dei Nostri Cuccioli.

Parola di Fate!

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti



Consigli di lettura