18Gen
2016

Il viaggio dell’accento

Fiaba di: Patrizia Ambrosini

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

C ‘era una volta, un accento che si sentiva solo.

Decise di sistemarsi su un faro

” cosi’ faro’ luce alle barche” pensava.

Strada facendo, prima di arrivare in riva al mare, si mise a riposare

si mise  sotto un pesco.

Piu’ tardi, in spiaggia un marinaio

pesco’ un grosso pesce.

Il pesce era attaccato al filo, ma il filo si ruppe

e il pesce filo’ via

L’accento si mise a rincorrere il pesce, ma era troppo veloce.

prese una barca a un remo.

Remo’ velocemente.

Giunto al porto,

prese il pesce e lo porto’

al faro.

Si misero sotto un pero

Il pesce pero’ era molto triste.

l’accento  era dispiaciuto

che il suo amico

fosse triste.

lo porto’

al porto e il pesce spari’ tra le onde.

L’accento riprese il suo viaggio

alla ricerca di altre parole

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti