26Gen
2018

Una formica diversa

Fiaba di: Nonno Frank

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

In un grande formicaio era nata una “formica diversa” , un po’ più grande di una “formica operaia” e un po’ più piccola e minuta di una “formica soldato”.

Quando si metteva in fila con le operaie per andare a cercare il cibo non teneva il passo e faceva cadere le altre , come soldato era un disastro per la sua fragilità , tanto che la indussero a lasciare il formicaio.

Si trovò in mezzo al prato e vagabondò finché non incontrò una coccinella “Ciao !” “Ciao” rispose la formica . “Che ci fai tutta sola ?” “Sono una formica diversa e mi hanno cacciato dal formicaio ” “Potresti venire con me , anche io sono sola” e aprì le elitre per iniziare a volare . La formica allora gridò “Ma io non so volare !” ” Mi dispiace tanto ” disse la coccinella e senza voltarsi volò via.

La formica continuò la strada tra lunghi steli d’erba , finché non incontrò un grillo ” Che cosa fai sperduta nel prato ?” ” Sono una formica diversa e mi hanno mandata via ” ” Vuoi venire con me ?” e accenno ad un salto , la formica tentò anche lei ma incespicò e cadde ” Ma tu non sai saltare …mi dispiace ma devo andare ” e con tre salti scomparve nel verde.

La formica sconsolata si fermò dove erano cresciuti steli d’erba sottilissimi e rigidi e quasi per passare il tempo li toccò e ne scaturì un lieve ma piacevole suono , allora provò e riprovò ancora toccando più steli. Era bellissimo saper suonare !

Questa musica si sparse nell’aria e dopo poco ritornò il grillo per vedere chi suonava così bene , poi arrivò la coccinella e tanti altri insetti per sentire la formica diversa che componeva stupende armonie .

Da quel giorno tutti andarono ai concerti della “formica musicista” , chi portava un chicco di grano, chi un pezzo di saporita foglia, chi un piccolo frutto …era diventata la star del prato.

Consigli di lettura

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti