11Apr
2012
tesoro-streghe

Il tesoro delle streghe

Fiaba di: patty

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

In un paese lontano esiste un tesoro fantastico: il tesoro delle streghe.

Ma trovarlo non è facile perchè si trova in un sotterraneo di un buio e nero castello, dietro a una grande porta di ferro sulla quale sta di guardia la Strega Nera, la regina di tutte le Streghe.

Il primo giorno d’estate la Regina nera apre la porta di ferro per sette minuti e allora è possibile vedere l’immenso tesoro.

Chi ha il coraggio di stare con ragni velenosi, tarantole, ragnatele, pippistrelli, gufi, civette e barbagianni che custodiscono il tesoro in quel sotterraneo, potrà entrare nella stanza e portar via tutto l’oro che vuole.

Per riempirsi le tasche di gioielli d’oro e monete d’argento, la Regina Nera concede sette minuti non di più, altrimenti si trasforma in un drago con le lingue di fuoco e non c’è più scampo.

La leggenda del tesoro delle streghe si diffuse in tutti i paesi vicini e lontani così il primo giorno d’estate molti uomini e giovani si ritrovarono al castello nero per tentare di varcare la porta di ferro  e uscire con il tesoro.

Ma nessuno è mai tornato indietro, il drago li ha mangiati tutti in un sol boccone.

Malek, è un giovane pastore che ogni giorno porta il bestiame a pascolare nei prati.

In quel paese in ogni direzione si guardasse, si vedeva sempre là, sulla montagna, il castello nero.

Malek era incuriosito dalla leggenda e aveva giurato a se stesso che un giorno avrebbe sfidato la Strega nera e il drago.

Cosi decise che per prima cosa doveva scoprire come faceva la Strega nera a trasformarsi in drago e mangiare tutti gli uomini che non riescono ad uscire dal sotterraneo.

Malek, mentre guardava le sue pecore che pascolavano si faceva mille domande, ma non riusciva a trovare una risposta; allora, quella sera stessa prova a chiedere a tutti gli abitanti del paese perchè la Strega nera è così cattiva.

Naturalmente nessuno lo sa o se qualcuno crede di sapere qualcosa per Malik non era sufficiente, non era soddisfatto delle risposte che riceveva.

Quella notte non riusciva a dormire, il suo cervello non smetteva di ragionare e infine decise che il giorno dopo sarebbe andato dal nonno.

Il nonno di Malik era un uomo molto vecchio e molto saggio speva dare buoni consigli ed era amato e rispettato da tutti.

“Sicuramente il nonno saprà dirmi qualcosa di più” pensò Malik

domani stesso andrò da lui. E così fece.

Infatti il nonno riuscì a soddisfare la curiosità di Malik.

“La Regina delle streghe è cattiva perchè soffre  giorno e notte a causa di una spina avvelenata che alcune streghe proprio il primo giorno dell’estate le hanno piantato nella schiena. E’ proprio questa spina che le dà il potere di trasformarsi in drago”:

“Nonno strapperò dalla schiena della Strega nera la spina che la rende un drago.” disse Malik convinto.

Il nonno sapeva che Malik era un ragazzo forte e coraggioso, forse sarebbe riuscito a strappare quella maledetta spina  avvelenata dalla schiena della strega.

“Tieni !” disse il nonno mostrando un pugnale incastonato di perle preziose, “ti servirà.

Fintanto che la strega nera sarà nel suo territorio, tu non potrà fare niente devi attirarla fuori da lì”

“Ma come?” pensava Malik mentre ritornava a casa.

“Bisogna rubare tutto il tesoro, ma non aspettando il primo giorno d’estate, bisogna farlo subito”

Così Malik, il giorno seguente,con l’aiuto del pugnale, scava una galleria, proprio sotto il sotterraneo del castello dove si trova il cesto del tesoro. Ne taglia il fondo e una pioggia d’oro e d’argento si riversa su di lui.

Richiamata dal rumore la Strega nera solleva il coperchio del cesto in cui si trovano i gioiellie scopre stupefatta di non avere più il tesoro!!

__MCE_ITEM__–  Malikkkk !!!-  urla la strega prima di trasformarsi in drago.

Malik corre, si inoltra nel bosco, scava ai piedi di un grande albero, nasconde i gioielli e scompare.

Appena in tempo!! Il drago sopraggiunge a grandi passi!! Man mano che si avvicina le piante si seccano e  muoiono

Il drago s’inginocchia ai piedi dell’albero, frugando rabbiosamente con le piccole zampe superiori.

Tutt’attorno le foglie cadono e muoiono, i fiori appassiscono.

Proprio sopra di lei, Malik osserva la schiena del Drago appollaiato su un albero. Non è facile individuarla con tutti quegli aculei!!

Malik osseva meglio e infatti in mezzo alla schiena la spina avvelenata sporge leggermente.

In un baleno Malik si butta sul drago il quale sentendolo cerca di disarcionarlo muovendosi velocemente e rabbiosamente.

Malik è aggrappato agli aculei ma un colpo violento lo fa retocedere fino alla coda.

Piano piano e con molta cautela si avvicina al punto in cui la spina è conficcata nella schiena e con i denti stappa la spina.

La Strega nera caccia un urlo spaventoso paralizzando tutto il bosco e il paese.

Poi silenzio…..

Poco a poco, gli uccelli ricominciano a cantare, gli alberi rinverdiscono, sbocciano nuovi fiori.

Il bosco torna alla vita.

La strega nera apre gli occhi: non soffre più, il suo sguardo si posa su Malik.

“ come posso dimostrarti la mia riconoscenza” chiede la strega.

“Sposami!!” risponde lui.

La strega gli dà un bacio e Malik improvvisamente diventa un uomo, uno spelndido cavaliere

Nel frattempo tutto il paese è preoccupato e triste; nessuno più spera nel ritorno di Malik, così coraggioso.

D’un tratto risuona un grido:

“ La Strega!!!”

presi dalla paura tutti fuggono.

All’entrata del paese entrano un cavaliere e una principessa  mano nella mano.

Il cavaliere tenta di rassicurare gli abitanti:

“non abbiate paura non è più una strega, ma una bellissima principessa e io sono Malik”

ma naturalmente nessuno ci crede. Solo sua madre osa avvicinarsi, lo tocca, lo accarezza e mormora:

“come sei diventato bello figlio mio”!!

allora gli abitanti del paese accolgono Malik ma non la principessa

“Tu sei Malik ma questa donna è la strega nera ! Ha divorato i nostri fratelli, i nostri mariti, i nostri fidanzati!!!

All’improvviso un rullo di tamburi interrompe le grida. Ecco l’entrata trionfale del Grande Saggio il nonno di Malik, circondato da numerosi uomini.

Sono tutte le persone che la Strega nera aveva divorato quando si trasformava in Drago.

Finalmente il paese è riunito. Madri, figli, mariti, mogli, bambini corrono a srtingersi intorno a Malik e alla principessa, quella magnifica coppia che ha riportato la pace.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti