28Mar
2014
edgar-cantastorie

Edgar il cantastorie

Fiaba di: Chignola annalisa

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Ciao bambini mi presento sono Edgar il racconta storie, e  oggi ho intenzione di raccontarvi una storia speciale.

Voi sapete come  è fatto il mondo ?

Certo lo sapete.è come una palla tutta tonda con tanti  colori.

Ma dovete sapere che non sempre è stato così.

Tanto tempo fa, infatti la nostra terra aveva solo due colori ; il verde dei boschi e il blu dell’acqua.

In questa terra di soli due colori vivevano due popoli.

Il popolo dei signori gialli e il popolo dei signori rossi.

E dove vivevano ?

Mah… di preciso non lo so ma di sicuro erano uno dalla parte destra del mondo e l’altro nella parte sinistra.

Il popolo giallo conosceva soltanto il proprio regno, dove tutti erano gialli, le case i fiori i giardini  persino i papà le mamme e i loro bambini.

Anche il popolo rosso conosceva solo il proprio regno e anche li tutti avevano lo stesso colore.

Rosso il papà, rossa la mamma, rosso il bambino persino le maestre erano rosse.

Un giorno però un bimbo di none Rossino decise che era tempo di scoprire il mondo. Salutò i suoi amici rossi e si incamminò verso ovest.

Intanto nel regno di Giallolandia  un altro bimbo di nome  Giallino  decise di fare la  stessa cosa, salutò mamma Gialla e papà Giallone   e partì verso est.

Camminarono, camminarono e camminarono i due bambini, finché un giorno, vicino ad un ruscello Rossino e Giallino si incontrarono.

“chi sei tu buffo bambino tutto giallo, non ti ho mai visto, da dove vieni ?”

“ciao” disse  gentile il bambino tutto giallo” io sono Gialllino e vengo dal regno di Giallolandia e tu chi sei?”

“sono Rossino e vengo da Rossolandia.”

I due bimbi fecero presto amicizia e mentre aspettavano che di andare a dormire sotto le stelle  incominciarono a parlare tra loro.

“che barba questo mondo ” fece Giallino ” hai visto tutto è blu o verde di giallo ci sono solo io.”

“si si è vero” gli fece eco Rossino “però oltre al verde blu e il giallo c’è anche il rosso, basta che mi guardi  …”

I due amici scoppiarono a ridere e Giallino riprese, “certo sarebbe bello se il mondo avesse altri colori.”

Rossino ci pensò un po’ poi disse

“proviamo  con una canzone la regaliamo al cielo e vediamo cosa succede.”

I due bimbi  entusiasti si presero per mano e intonarono una canzone così bella che tutto il bosco verde si zitti.

Nella notte una leggera pioggia cadde sulle foglie  verdi e quando spuntò il primo raggio di sole una strana luce svegliò i due bimbi.

Essi si guardarono attorno e subito si accorsero che qualcosa era cambiato.

Da est a ovest si stendeva un bellissimo arco colorato con colori che mai avevano  visto.

Rossino e Giallino guardarono pieni di stupore   quell’arco che all’improvviso incominciò a tremare .Tremò così forte che alla fine si ruppe e i sui colori  incominciarono a volare sopra quel gran bosco.

Lentamente tutto divenne multicolore ammantando il mondo di colori meravigliosi.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti