08Ott
2013
gala-gattina-bianca

Gala la gattina bianca

Fiaba di: Monica F.

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

C’era una volta una giovane gattina bianca dagli occhi di una cangiante tonalità viola scuro, di nome Gala.

Perduta una zampa alla nascita, con una soltanto, lei non si era mai persa d’animo, e anche se storpia e malferma, non aveva mai smesso di riempire con le sue gioiose capriole il creato, seppur facendolo un passo indietro come la sua condizione le imponeva, ugualmente fiera e orgogliosa.

“Ma con una zampa sola!” giungevano al suo orecchio voci soffocate di tanto in tanto “Una soltanto!”, “Non è per niente un bello spettacolo!”, “Quella zampa che le manca, però!”, “Si, non si può guardare!”, “Le sono rimaste quei grumi di sangue!”, “Fanno male allo stomaco, solo a guardarsi!”, “Io non riesco, mi fa volta stomaco!”,“Peccato davvero, ripeto!”, “Non può affrontare lunghi percorsi, non andrà mai oltre!”, “Che pena!”,“Nessuno la inviterà mai in casa propria!”, “Scherzi?!”.

Ma agli occhi di Tancredi, giovane gatto dallo splendido pelo cenerino, tutto quel ciarlare appariva soltanto gratuito e insignificante, Gala per lui era bellissima, speciale, solo lei riusciva a guardarlo in quel modo, a farlo sentire amato, importante, invincibile, unico, irripetibile.

 E il gran parlare altrui non lo toccava. “Anche se la mia zampa mancante fa così ribrezzo?”, “E gli altri ti riterranno pazzo?”, “Ti eviteranno!”, “Penseranno che potevi ambire a ben altro!”, “Che ti sei accontentato!”, “Anche se sono così brutta!” ripeteva la dolce Gala.

E lui soffiandole contro per tutta risposta, fiero e innamorato, giocoso, faceva finta di rincorrerla, rotolandole attorno, sfoderando le unghie, fra calde fusa.

Perso d’amore.

E il cuore della tenera gattina a quello spettacolo, dimenticava le malelingue altrui. Felice.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti