01Ott
2013
lupo-capra-cavolo

La vera storia di lupo, capra e cavolo

Fiaba di: apettaciliegia

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Avrete spesso sentito parlare dell’indovinello del lupo, la capra e il cavolo, del contadino che doveva trasportarli tutti e tre nell’altra sponda del fiume ma lupo mangia capra e capra mangia cavolo, e senz’altro avrete scoperto la soluzione: molti la prima volta in cui ci provano iniziano a fare nella mente avanti e indietro un mare di volte attraverso il fiume pur di trovare la soluzione. Ebbene, ciò ha una storia. è una bella storiella di una contadinella che si chiama Lucia.

Nella fattoria della famiglia avevano coltivato 4 cavoli, bevevano il latte prodotto da 4 capre, e avevano catturato 4 lupi che si erano ripromessi di portare all’amico che ne aveva bisogno per fare una coperta. Questo amico stava davvero male, non aveva nulla da mangiare, allora la famiglia di Lucia voleva provare a regalargli una capra, o anche due o tre, tutti i 4 lupi, e un cavolo, o anche due o tre.

Tra l’amico stava un fiume e purtoppo Lucia aveva bisogno di una barca, che non aveva, e di forza, che non aveva. Allora ha guardato nel fiume per chieersi come fare, quando ha visto qualcosa di luminoso: era una pietra a forma di cuore.Dopo averla stretta ha pensato intensamente al fatto che deve avere una barca per attraversare il fiume, e il cuoricino di pietra si spezza, facendo restare solo 2 terzi dell’iniziale pietra. Ma la cosa bella è che comunque era puntata una barca! Poi, comprendendo il potere, ha desiderato di avere forza. A quel punto ha portato il primo lupo, ed è andato tutto bene.

Poi ha cominciato a portare sulla 1 sponda del fiume, quella in cui stava casa sua, un lupo, una capra e un cavolo, ma portando prima il lupo la capra si era mangiata il cavolo, e poi ha trasportato la capra nella sponda col lupo, ed è tornata nella sponda di casa sua per prendere un’altro cavolo, ma nel frattempo il lupo si era mangiato la capra. L’amico viene e trova solo un’altro lupo, e se lo prende. 

Allora lei prende un’altro cavolo, un’altra capra e un’altro lupo, e fa avanti e indietro non riuscendo a capire che fare, finchè non succede più o meno la stessa storia di prima. Lei allora ricorda di avere ancora un desiderio da esprimere, prende il sasso a forme di cuore e desidera di risolvere il problema. Allora a lei spunta in mente finalmente la soluzione: prende la barca, porta la capra dall’amico, poi porta il cavolo dalla capra, ma prima che la capra si mangi il cavolo la riporta nella sponda di prima. Allora prima che se la pappi il lupo lo prende e lo porta nella sponda con il cavolo, poi torna nella sponda con la capra, la prende e la riporta nella riva con lupo e cavolo, e resta lì assicurandosi che non vengano mangiati finchè non viene l’amico a prenderli.

L’amico, impressionato dalla storiella di Lucia, decide di far ricamare la coperta di pelle di lupo con su scritta questa storiella, così si spiega anche com’è arrivata ai giorni nostri.

Oggi non si ricorda la storiella, ma l’indovinello comunque lo conoscono in tanti. Ma ricordate che se c’è l’indovinello c’è anche la storiella su come è nato!

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti