03Set
2013
arancia-amarina

L’arancia Amarina

Fiaba di: AnnaMariaTotaro

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Questa è la storia di Amarina, un’arancia che viveva in un giardino e sognava di poter vedere, prima o poi, il mare.

Finché, un giorno, il sogno si avverò.

C’era una volta, in un paesino adagiato su una collina, una casina bianca con un grande comignolo e vicino, un orto da cui scorgeva il mare.

Più in alto un giardino di limoni e arance, dove viveva l’arancia Amarina.

Dal giardino non si poteva vedere il mare e l’arancia Amarina, molto curiosa, desiderava tanto vederlo.

Una notte, il vento forte fece cadere dall’albero arance e limoni, tra cui l’arancia Amarina che, spaventata, ma felice, iniziò a rotolare giù per la collina.

“Oh che bello” esclamò l’arancia Amarina.

Si rotolò nell’erba, nei fiori e lungo una stradina, e giú giú fino al mare.

Arrivata sulla spiaggia, si adagiò sui ciottoli e assaporò finalmente l’odore del mare, il suono delle onde e rimase lí per l’intera giornata.

Ad un tratto si accorse che il sole stava tramontando e che dopo un po’ sarebbe diventato buio.

Iniziò ad aver paura, a sentirsi sola, quando all’improvviso vide arrivare sulla spiaggia, di gran corsa, un cagnolino, che inciampò su di lei.

“Ohi ohi, mi hai fatto male, stai attento” disse Amarina al cagnolino.

Il cane si fermò e chiese scusa.

“Non ti avevo visto arancia” rispose il cane!

“Che cosa fai sulla spiaggia tutta sola?” chiese il cagnolino.

L’arancia gli raccontò cosa le era capitato ed esternò il desiderio di tornare nel suo giardino e il timore di non poterlo fare da sola.

Allora il cane l’addentò, senza farle male,e risalì su per la collina fino al giardino e la posò ai piedi dell’albero.

“Oh io sono Amarina” disse l’arancia.

“Io Paolino” rispose il cagnolino.

L’arancia gli chiese se voleva restare, ma il cane rispose che doveva ritornare dai suoi padroncini.

L’arancia ringraziò il cane Paolino e gli propose di tornare a trovarla nel suo giardino.

L’arancia Amarina era felice di essere tornata a casa ma sapeva che una volta staccata dall’albero, non sarebbe piú potuta ritornare al suo passato.

Le arance e i limoni le chiesero, “Perché sei tornata?”

Amarina rispose “perché siete la mia famiglia” e continuarono a vivere tutti insieme e felici nel giardino sulla collina.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti