28Ott
2016

I coristi dello stagno

Fiaba di: Nonno Frank

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

C’è uno stagno tutto verde con canne alte che finiscono con battacchi scuri ondeggianti al vento, su di una riva , immerse in parte nell’acqua , una decina di rane cantava così :

Siam ranocchie dello stagno
tutto il giorno stiamo a bagno
cra cra cra facciamo in coro
questo qui è il nostro lavoro.

Un ochetta che nuotava presso l’altra sponda , sentendo le rane si avvicinò e chiese “posso fare anche io una bella cantatina ?”
“Sìììì…”risposero in coro.

Son l’ochetta del pantano
nuoto piano piano piano
becco l’acqua con diletto
e vi trovo un bell’ insetto.

“Brava ! ” dissero sempre in coro le rane.

Poco distante , quasi ferma , una tartarughina guardava la scena e con la sua voce roca chiese alle rane se poteva anch’essa unirsi al coro.

“Certo ” dissero all’unisono.

Io son la bella tartaruga
e mi crogiolo nel bagnasciuga
dicono che son troppo lenta
perché son sempre attenta.

“Bene” dissero le rane… “ora tutti assieme”…

Siam ranocchie dello stagno
tutto il giorno stiamo a bagno
cra cra cra facciamo in coro
questo qui è il nostro lavoro.

Son l’ochetta del pantano
nuoto piano piano piano
becco l’acqua per diletto
e vi trovo un bell’insetto.

Io son la bella tartaruga
mi crogiolo nel bagnasciuga
dicono che son troppo lenta
è perché son sempre attenta.

Per combinazione un discografico passò di li , registrò il loro coro e ne fece un CD , che ora è il più venduto in tutti gli stagni del mondo.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti