10Giu
2015

La cicala e la formica // Audio fiaba

Fiaba di: Alessandra

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Tratta dall’omonima fiaba di Esopo.

C’era una volta in una calda estate un’allegra cicala che continuava a cantare sul ramo di un albero, mentre sotto di lei, una lunga fila di formiche faticava per trasportare chicchi di grano.

Fra una pausa e l’altro del canto, la cicale si rivolge alle formiche: “Ma perché lavorate tanto? venite qui all’ombra a ripararvi dal sole, potremo cantare insieme!”.

Ma le formiche, instancabili, senza fermarsi continuavano il loro lavoro.

“Non possiamo! Dobbiamo preparare le provviste per l’inverno! Quando verrà il freddo e la neve coprirà la terra, non troveremo più niente da mangiare e solo se avremo le dispense piene potremo sopravvivere!”.

“L’estate è ancora lunga e c’è tempo per fare provviste prima che arrivi l’inverno! Io preferisco cantare! Con questo sole e questo caldo è impossibile lavorare!”.

Per tutta l’estate la cicala continuò a cantare e le formiche a lavorare, ma i giorni passavano veloci, poi le settimane e i mesi.

Arrivò l’autunno e gli alberi cominciarono a perdere le foglie e la cicala scese dall’albero ormai spoglio.

Anche l’erba diventava sempre più gialla e rada e una mattina la cicala si svegliò tutta infreddolita, mentre i campi erano coperti dalla prima brina.

Un gelo improvviso bruciò il verde delle ultime foglie: era arrivato l’inverno.

La cicala cominciò a vagare cibandosi di qualche gambo rinsecchito che spuntava ancora dal terreno duro e gelato.

Venne la neve e la cicala non trovò più niente da mangiare: affamata e tremante di freddo, pensava con rimpianto al caldo e ai canti dell’estate.

Una sera vide una lucina lontana e si avvicinò affondando nella neve: “Aprite! Aprite per favore! Sto morendo di fame! Datemi qualcosa da mangiare!”.

La finestra si aprì e la formica si affacciò: “Chi è? Chi è che bussa?”.

“Sono io, la cicala! Ho fame, freddo e sono senza casa!”.

“La cicala? Ah! Mi ricordo di te! Cosa hai fatto durante l’estate, mentre noi faticavamo per prepararci all’inverno?”.

“Io? Cantavo e riempivo del mio canto cielo e terra!”.

“Hai cantato?” replicò la formica, “Adesso balla!”.

L’audio fiaba

 

 

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti



Consigli di lettura