18Mar
2016

I capricci di papà

Fiaba di: Elide Fumagalli

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

C’era una volta un papà birichino
che giocava sempre con il suo bambino.
Ma quando uscivano per prendersi un gelato
il papà faceva i capricci se non c’era il cioccolato.
Diceva: “E adesso io sai che farò?
Mai più gelato mangerò!”

“Prendi questo alla fragola.” Diceva il bambino
che voleva bene al suo papino.
“La fragola non la voglio e neppure la stracciatella
io voglio il cioccolato e anche una caramella!”

Poi andavano al parco a giocare
ma i capricci il papà continuava a fare:
“Voglio andare sull’altalena!”
“Non puoi, c’è già Francesca e Lorena.”
“E allora voglio andare in bicicletta”
“Ricordi l’hai lasciata da zia Loretta.”
“Voglio mangiare pizza e insalata.”
“ A merenda? “Sì anche una frittata!”

“Qui al parco se vuoi ti fanno un panino
con il prosciutto, formaggio o il salamino”
“Ti ho detto che voglio mangiare così
E se tu non mi accontenti, io mi fermo qui!”
E così il bambino sulle spalle il papà si prendeva
lo portava a casa e sul divano lo metteva.

Per cena il bimbo preparava la pizza e l’insalata
E una enorme e profumata frittata.
Ma il papà rivoleva il gelato
Non quello alla fragola quello al cioccolato.
Il bambino gli raccontava storie di maghi
Ma il papà voleva i racconti con i draghi.

Il bambino gli metteva il pigiama a quadretti
e il papà voleva quello con gli orsetti.
Poi finalmente il papà si addormentò
Il bambino sul letto si buttò.

E quella sera il bambino disse tra sé e sé:

“Adesso ho capito con questa esperienza
Che a fare il papà ci vuol tanta pazienza.
Perché, dopo averlo tutto il giorno seguito,
quasi quasi… sono impazzito!
Da domani questo gioco non lo voglio più fare
E il bambino del mio papà voglio ritornare!”

Ma oggi che tu abbia i baffi, la barba o che tu sia ricciolino
È la tua festa papà! E io sono il tuo bambino!

E quando un giorno io sarò lontano
Toccherò il vento con la mia mano.
Dentro quel vento lascerò per te
Cento grazie e mille sorrisi, più dolci di un bigné

Perché chi è amato, impara ad amare
e chi è accudito, impara a coccolare.
A prendersi cura di animali e bambini
Di terre lontane e di amici vicini.

Il mondo cambia quando senti dentro di te
L’amore forte che un papà ha per te

Se sei amato, il mondo amerai
se sei amato il mondo cambierai

L’audio fiaba

Voci recitanti: i Bambini di Marne!

… e il backstage

 

 

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti