09Ott
2017

I due orsacchiotti // Audio fiaba

Fiaba di: Audiofiabe di Antonio Patani

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Il piccione e la piccioncina si dicevano dolcissime parole sopra un ramo del faggio.

Orsacchiotta, dal suo covo, li vide, ne udì il dialogo amorevole e con due colpi di zampe svegliò il marito orso, che se la dormiva profondamente.
– Orsaccio, vieni a vedere, vieni a sentire! Quando mai ti sei comportato come il simpatico piccione? Quando mai tu mi hai fatto discorsi così gentili? –
– Abbi pazienza. Il mio carattere è un po’ ispido. Non posso cambiarlo. –
– Ti manca la buona volontà. Se tu lo volessi, potresti essere una persona amabile, un marito coi fiocchi, come il piccione. E io sarei orgogliosa di te. E felice. Sarei allora perfettamente felice. –

All’orso, quei rimproveri, suscitarono una certa sofferenza. E ci ripensò. Ci ripensò quel giorno, ci ripensò nei giorni che seguirono. Amava molto la moglie e, per vederla contenta, avrebbe rinunziato a un vaso di miele, a un sacco di nocciuole. Pensa e ripensa, ebbe un’idea che gli parve genialissima.

Una mattina, invece di restarsene a dormicchiare nel covo, andò a cogliere fragole nel bosco. Dispose la dolce frutta in un cestello e la portò alla sposina. A cui sgranò, porgendo il dono, le parole amorevoli che aveva preparato da molto tempo.

Ma l’orsacchiotta, dimentica della sua nostalgia per i metodi sentimentali del piccioncino, sghignazzò in faccia allo sposo e con una zampata mandò per aria cestello e fragole, e gettò a terra il povero orso.

 

Fiaba popolare bulgara.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti