31Dic
2010
L’amore e la follia

L’amore e la follia

Fiaba di: Redazione

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Amor è un gran mistero:
mistero i dardi, la faretra, il foco,
e dell’infanzia sua mal noto è il vero.
Non io pretendo adesso
in pochi versi movergli il processo
e spiegar questa scienza, che, confesso,
vuol tempo per chi sa ben decifrarla.
Ma voglio colla solita mia ciarla
narrar soltanto come il cieco iddio
perdesse gli occhi e il mal che ne seguì,
un mal, che a parer mio
potrebbe essere un ben… Ma in questo affare
agli amanti rimetto il giudicare.

Amor giuocava un giorno in compagnia
della Follia.
Aveva il fanciullino in quell’età
aperti gli occhi ch’ora più non ha.
Nata una fiera disputa,
voleva Amor portarla innanzi ai Numi,
ma la Follia, perduta la pazienza,
gli die tal colpo che gli spense i lumi.

Venere, donna e madre, a quella vista
alza le strida e stordisce gli Dèi.
Giove dal cielo e Nemesi
e tutti insieme accorrono con lei
i giudici d’inferno.
La madre piange e narra della trista
l’orrenda azione,
e come il suo bambin non possa, ahi! moversi
senza bastone.

Non c’è pena sì grande,
che corrisponda ad opre sì nefande;
ma poi che riparata esser dovea
l’ingiuria, visto il caso, il danno, il male,
e visto l’interesse generale,
la corte mise fuori questa grida:
– Sempre Follia faccia all’Amor di guida!

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti