28Dic
2010
Il cigno e il cuoco

Il cigno e il cuoco

Fiaba di: Redazione

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Nel cortil d’una grande fattoria
il bianco Cigno e il Papero
vivean coll’altre bestie in compagnia:
l’uno al piacer dell’occhio
e a fregio dei giardini destinato,
e l’altro – dico l’oca, – allo stufato.

Dentro i fossati del castel vedevansi
andar come sul corso,
tuffandosi, guazzando a fianco a fianco,
l’uno non men dell’altro agile e bianco.

Un giorno il Cuoco, avendo alzato il gomito
un poco più del solito,
a mezzo della gola
prese il Cigno, scambiandolo col Papero,
per metterlo tagliato in cazzeruola.

L’uccel, presso a morir, mosse la voce
e pianse un suo dolcissimo lamento.
Sorpreso il Cuoco – Oh ciel! – grida, – che sento?
Questo non è un uccello che si coce.
Non sia giammai ch’io tolga la parola
a chi parla in un modo che consola -.

Chi sa bene parlar, se casca male,
trova rimedio, e questa è la morale.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti