28Dic
2010
L’ubriacone e la sua donna

L’ubriacone e la sua donna

Fiaba di: Redazione

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Per rimedio o vergogna che gli dài,
l’uom dal suo lato debole
sempre cascar vedrai:
come dimostra l’opportuno esempio,
che alle parole mie non manca mai.

Un discepol di Bacco, per il vizio
di bere, era condotto in precipizio.
Salute, ingegno e soldi ed allegria
quell’uom avea distrutto,
come fanno color che a mezza via
hanno già speso tutto.

Un giorno che, ben molle di decotto,
tornava a casa traballando e cotto,
la sua donna lo prese e lo serrò
in fondo a un bugigattolo,
dov’egli in braccio al vin si addormentò.

Quando si risvegliò, vide… oh spettacolo!
intorno al letto luccicar le fiaccole,
e sopra il letto un gran lenzuolo funebre,
e accanto i cento attrezzi della morte,
ond’io non dico s’ei si spaventò.

Camuffata alla foggia d’una furia,
ecco s’avanza la gentil consorte,
adagio, come vanno le fantasime,
a servirgli una broda nera e sordida.
Ah! proprio egli credé
d’esser cascato in casa del diavolo.

– Oimè! – gridava, – oimè!
Son io morto davver? chi sei, fantasima?
– Io son la cuciniera dell’inferno,
e porto da mangiare
a quei che stanno in questo loco eterno -.

E il buon marito senza giudicare,
grazie al vin, se sian cose false o vere,
– Dimmi, – esclama, – e non porti anche da bere?

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti